Home / Africa / Sudafrica / Capo Agulhas: il punto più meridionale del continente africano
Capo Agulhas, Sudafrica. Author and Copyright Marco Ramerini
Capo Agulhas, Sudafrica. Author Marco Ramerini

Capo Agulhas: il punto più meridionale del continente africano

Capo Agulhas è il punto più meridionale del continente africano, che infatti non è il Capo di Buona Speranza, come spesso viene creduto. Il punto più a sud dell’Africa si trova ad una latitudine di 34° 49’ 58″ sud e una longitudine di 20° 00’ 12’’ est, un piccolo monumento ne segna il punto esatto, qui s’incontrano anche le acque degli oceani Atlantico e Indiano (le correnti di Agulhas (calda, proveniente dall’oceano Indiano) e Benguela (fredda, proveniente dall’oceano Atlantico)), comunque si tratta di una zona rocciosa poco appariscente, niente a che vedere con Cape Point, grazie all’incrocio tra le due correnti le acque vicino alla costa di Agulhas sono una delle migliori zone di pesca del Sudafrica.

Furono i navigatori portoghesi che per primi doppiarono il capo a nominarlo Cabo das Agulhas, il nome del Capo deriva infatti dalla parola portoghese “aghi”, e sembra che si riferisca agli aghi delle bussole, che ad Agulhas puntavano esattamente verso il nord geografico, oppure secondo altre fonti, il termine “aghi” potrebbe riferirsi ai numerosi scogli, simili ad aghi, che costituiscono un pericolo per la navigazione.

L’area attorno al Capo fa parte dell’Agulhas National Park, il più meridionale e anche il più recente dei parchi nazionali del Sudafrica, il parco si estende su un’area di 16 804 ettari e comprende una zona ricca di attrattive naturali e culturali: molto importante è infatti la sua biodiversità, sono infatti presenti circa 2 000 specie di piante, di cui 100 sono specie endemiche.

Il faro di Capo Agulhas, Sudafrica. Author and Copyright Marco Ramerini

Il faro di Capo Agulhas, Sudafrica. Author Marco Ramerini

La zona del Capo Agulhas infatti è tra le aree facenti parte del regno floreale del Capo (regno Sudafricano) che è il più piccolo e ricco dei sei regni di piante del mondo (Boreale, Neotropicale, Paleotropicale, Sudafricano, Australiano, e Antartico), la maggior parte delle specie fiorisce tra maggio e settembre. La zona è anche luogo di migrazione di uccelli acquatici e ricchissimo di vita marina grazie all’incrocio delle correnti oceaniche calde e fredde.

Oltre all’aspetto ecologico, degno di nota è anche l’aspetto culturale, sono infatti state trovate evidenze di depositi archeologici del periodo della migrazione dei Khoisan tra cui resti di antiche trappole per pesci dei Khoisan che si trovano ad est del faro.

Infine vi si trova lo storico faro di Cape Agulhas che è operativo dal lontano 1849, ed è il secondo più vecchio faro dell’Africa meridionale, al suo interno si trova un museo, il Cape Agulhas Lighthouse Museum, dove viene narrata la storia dello sviluppo dei fari in Sud Africa.

Alcuni sentieri attraversano l’area del parco, uno di questi porta al relitto della Meisho Maru, nave naufragata nel 1982 a 4 km a ovest del faro.

La costa di Cape Agulhas è chiamata anche cimitero delle navi a causa dei numerosi naufragi avvenuti nei secoli passati, un interessante museo sui naufragi (Bredasdorp Shipwreck Museum) si trova a Bredasdorp. A partire dal XVI secolo, lungo questo tratto di costa (che misura circa 100 km di lunghezza) si sono avuti oltre 125 naufragi. Il luogo non ha il fascino della scogliere di Cape Point e del Capo di Buona Speranza, ma comunque, essendo in zona, merita una veloce visita, è pur sempre l’estremità meridionale del continente Africano!

INFORMAZIONI UTILI:

Capo Agulhas si trova a circa 230 km da Città del Capo, dalla quale può essere raggiunto con la strada N2, girando a Caledon e passando attraverso Bredasdorp. Arrivando da est, si lascia la strada N2 vicino a Swellendam e si attraversa Bredasdorp per arrivare a Capo Agulhas. Le cittadine più vicine al capo sono L’Agulhas e il villaggio di pescatori di Struisbaai.

Clima: la zona del Capo Agulhas presenta un clima mediterraneo con secche e calde estati e freddi e umidi inverni, con una media annua di pioggia di circa 450 mm. Temperature: Gennaio max: 23,8ºC (min: 17,7ºC); Luglio max: 16,5ºC (min: 10,8ºC).

ARNISTON (KASSIESBAAI, WAENHUISKRANS)

Kassiesbaai, Arniston, Sudafrica. Author and Copyright Marco Ramerini

Kassiesbaai, Arniston, Sudafrica. Author Marco Ramerini

Arniston è una piccola cittadina situata sulla costa dell’Oceano Indiano a circa 190 km da Città del Capo e a circa 100 km da Hermanus. Arniston si trova a breve distanza da Capo Agulhas e dalle stupende dune bianche della De Hoop Nature Reserve.

Il paese è composto da due distinti centri abitati: Arniston, un centro caratterizzato da moderne villette e l’antica Kassiesbaai che è un villaggio di pescatori, molto caratteristico con belle casette bianche alcune risalenti a circa 200 anni fa, che è stato dichiarato monumento nazionale.

Nella Waenhuiskrans Nature Reserve vicino ad Arniston è interessante la visita dell’enorme grotta sul mare chiamata Waenhuiskrans e alle bellissime dune bianche che caratterizzano l’area attorno alla cittadina. La visita alla grotta è da farsi durante la bassa marea, perchè durante l’alta marea la grotta si riempie d’acqua.

Ad Arniston si mangia dell’ottimo pesce pescato in giornata dai pescatori locali. Caratteristica è la partenza dei pescatori, che all’alba, aiutati da un trattore mettono in mare i loro pescherecci. Un altro interessante aspetto è l’osservazione delle balene che sono facilmente osservabili dalla costa tra giugno e ottobre.

banner
Close
GDPR
Le leggi dell'UE richiedono che chiediamo il tuo consenso all'uso dei cookies. Utilizziamo i cookie per garantire che il nostro sito funzioni correttamente. Alcuni nostri partner pubblicitari raccolgono anche dati e utilizzano i cookie per pubblicare annunci personalizzati.




Sottoscrivete il nostro canale YOUTUBE: