Home / America del Sud / Argentina / Cascate di Iguazú: la meraviglia naturale dell’America del Sud
Cascate di Iguazú, Brasile-Argentina. Author and copyright Marco Ramerini
Cascate di Iguazú, Brasile-Argentina. Author Marco Ramerini

Cascate di Iguazú: la meraviglia naturale dell’America del Sud

Le Cascate di Iguazú si trovano lungo il confine tra Brasile e Argentina, esse sono formate dal fiume omonimo, che crea una delle meraviglie naturali del pianeta Terra. La parte brasiliana delle cascate si trova nello stato brasiliano di Paraná, mentre quella argentina è nella provincia di Misiones.

Le cascate di Iguazú sono formate da circa 275 salti su un fronte di 2 700 metri, l’altezza dei salti varia tra i 60 metri e gli 82 metri, la zona più impressionante delle cascate è la cosiddetta Garganta del Diablo (meglio visibile dal lato argentino) dove le cascate formano un salto a forma di ferro di cavallo di 82 metri d’altezza su di un fronte totale di 700 metri.

Le cascate sono state dichiarate dall’Unesco Patrimonio Naturale dell’Umanità nel 1984 (lato argentino) e nel 1986 (lato brasiliano) e sono senza ombra di dubbio uno degli spettacoli più sconvolgenti della natura, giustamente ritenute tra le meraviglie naturali del mondo.

La zona delle cascate gode di un clima molto umido (mediamente l’umidità relativa è dell’80%) con temperature medie di 15º C in inverno e 30º C in estate. Specialmente durante l’estate è bene portare un repellente anti-zanzara.

Il nome Iguazù deriva dalle parole Guaranì: “y” (acque) e “guasu” (grandi), mai nome fu più appropriato. Il fiume Iguazú, che forma le cascate, ha una lunghezza totale di 1320 km dalle sorgenti fino alla sua confluenze nel Rio Paraná, 23 Km dopo le cascate.

La larghezza media del fiume varia tra i 500 e i 1000 metri, mentre nelle vicinanze delle cascate, dove compie una ampia curva ad U, raggiunge i 1500 metri di larghezza.

In corrispondenza delle cascate il fiume, che ha una portata media di 1500 metri cubi al secondo, forma due grandi archi per un totale di 2700 metri di estensione con una quantità di salti che varia a seconda della portata del fiume tra i 160 e i 260 salti, la cascata più alta, più spettacolare e più impressionante è la Garganta del Diablo, dove le acque precipitano da un’altezza di circa 80 metri.

La maggioranza delle cascate sono nel territorio Argentino, mentre dal territorio brasiliano si ha una vista più ampia del fronte delle cascate.

Le Cascate di Iguazú nel 1984 sono state dichiarate dall’UNESCO patrimonio mondiale dell’umanità, l’intera area delle cascate è compresa nei due parchi nazionali argentino (Parque Nacional Iguazú) e brasiliano (Parque Nacional do Iguaçu).

La cascate furono scoperte dall’esploratore spagnolo Álvar Núñez Cabeza de Vaca nel gennaio 1542.

– Clima delle Cascate di Iguazù

Il lato argentino delle Cascate di Iguazú

banner
Close
Sottoscrivete il nostro canale YOUTUBE
Se vi piace viaggiare sottoscrivete il nostro canale YOU TUBE di viaggi: