Home / Europa / Francia / Vienne: i resti di un antica città romana
Tempio d'Augusto e Livia, Vienne, Rodano-Alpi, Francia. Autore Troyeseffigy. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike
Tempio d'Augusto e Livia, Vienne, Rodano-Alpi, Francia. Autore Troyeseffigy.

Vienne: i resti di un antica città romana

La cittadina di Vienne si trova lungo il fiume Rodano a circa 30 km a sud di Lione, fondata dai Romani è oggi un importante centro archeologico classificata come città d’arte e di storia (Ville d’Art et d’Histoire).

Vienne fu fondata come un villaggio celtico sulla sponda sinistra del Rodano a 30 km a sud di Lione. La città vera e propria fu invece successivamente fondata da Giulio Cesare nel 47 a.C. come colonia romana. Sotto l’imperatore Augusto fu nominata “Colonia Julia Augusta Florentia Vienna”.

Presto grazie alla sua posizione divenne un importante centro amministrativo e dal 259 al 269 d.C., Vienne fu la capitale della Provincia Viennensis.

Nel 438 d.C. la tribù germanica dei Burgundi conquistò la città. Un secolo dopo Vienne fu sotto il controllo dei Franchi. In seguito, Carlo II, imperatore del Sacro Romano Impero, dette Vienne al re di Provenza. Nel 933, divenne parte del Regno di Bourguignon di Arles. Alla fine del IX secolo, la città divenne parte del Sacro Romano Impero.

LE ATTRAZIONI TURISTICHE: COSA VISITARE A VIENNE

Ancora oggi la città è famosa per i suoi resti romani tra cui un teatro (che in origine aveva oltre 13.000 posti a sedere), un acquedotto, i portici del Foro, e il monumento in assoluto più bello: il Tempio romano di Augusto e Livia.

Teatro Romano, Vienne, Rodano-Alpi, Francia. Author Hélène Rival. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike

Teatro Romano, Vienne, Rodano-Alpi, Francia. Author Hélène Rival

Il tempio fu costruito nella prima parte del I secolo d.C., questo stupendo tempio – quasi completamente intatto – si trova nel centro della cittadina, ed è circondato su tre lati da colonne.

I criteri di stile seguiti nella sua costruzione permettono una datazione abbastanza precisa attorno agli anni 20-10 a.C. A quell’epoca il tempio fu probabilmente dedicato all’Imperatore.

Successivamente la facciata e i due terzi della parte orientale dell’edificio furono ricostruiti, e questa volta il tempio fu dedicato anche a Livia, la moglie di Augusto, che morì nel 29 d.C. e fu deificata all’inizio del regno di Claudio.

Nell’antico foro romano si possono ammirare due enormi archi che si trovano all’angolo del “Giardino archeologico di Cibele”, i due archi furono costruiti con calcare appositamente trasportato dal sud della Francia, quest’edificio fu costruito durante il regno dell’imperatore Tiberio.

Vienne merita veramente una sosta. Tra i principali luoghi da visitare si segnalano: il teatro romano, l’acquedotto, i portici del Foro, il Tempio romano di Augusto e Livia, il santuario e il complesso monumentale di Pipet, la piramide del Circo, il palazzo di Miroir e il sito archeologico di Saint Romain en Gal.

banner