Home / Europa / Italia / Fontana di Trevi: la più celebre fontana di Roma
Fontana di Trevi, Roma, Italia. Author and Copyright Marco Ramerini
Fontana di Trevi, Roma, Italia. Author Marco Ramerini

Fontana di Trevi: la più celebre fontana di Roma

La Fontana di Trevi è certamente la più famosa delle fontane di Roma, situata nel centro storico della città, a breve distanza da piazza Colonna e dal palazzo del Quirinale. La fontana fu costruita tra il 1732 e il 1762, sotto i papi Clemente XII, Benedetto XIV e Clemente XIII, da Nicola Salvi e dopo il 1751 da Giuseppe Pannini.

La fontana, un misto di stili tra classico e barocco, si trova addossata al palazzo Poli, la cui facciata è parte integrante della scenografia della fontana, essa è il punto terminale dell’antico acquedotto dell’Acqua Vergine (Aqua Virgo) fatto costruire da Agrippa e inaugurato il 9 giugno del 19 a.C..

L’Acquedotto Vergine, rimase in uso per tutto il medioevo, fu restaurato a più riprese nell’VIII secolo, nel XII secolo e a metà del XV secolo, ma le sorgenti originarie furono riallacciate solo nel 1570 da Pio V, che collocò una vasca dal lato opposto di quello della fontana attuale. Le figure raffigurate sulla fontana hanno lo scopo di illustrare la storia dell’Acqua Vergine.

Fontana di Trevi, Roma, Italia. Author and Copyright Marco Ramerini

Fontana di Trevi, Roma, Italia. Author Marco Ramerini

La scenografia della facciata della fontana è dominata da un grandioso attico con balaustra e figure allegoriche, al centro si trova un iscrizione con lo stemma di Clemente XII, più sotto, nel nicchione centrale, è la grandiosa statua di Oceano di Pietro Bracci trainata sul cocchio, a forma di conchiglia, da due cavalli marini guidati da tritoni. Nelle nicchie laterali si trovano le statue della Salubrità e dell’Abbondanza, opere di Filippo Della Valle, sovrastate delle raffigurazioni della Vergine che indica la sorgente ai soldati e da Agrippa che approva il disegno dell’acquedotto.

Formata da un enorme vasca che impersonifica il mare, la fontana di Trevi è una perfetta commistione di architettura e scultura barocca, divenuta famosa al mondo grazie a pellicole divenute classici del cinema mondiale. Famosa è la scena presente nel film di Fellini “La Dolce Vita” nella quale la protagonista Anita Ekberg si tuffa nella vasca della fontana di Trevi, invitando a fare lo stesso l’altro protagonista del film, Marcello Mastroianni.

Sulla piazza si affaccia anche la chiesa dei SS. Vincenzo e Anastasio, la cui facciata, ricca di colonne, risale al 1650. Alla fine degli anni ’90 alcuni lavori di scavo portarono alla scoperta di una vasta e complessa area archeologica, oggi riorganizzata e visitabile, chiamata “La città dell’acqua”, dagli scavi emersero le tracce di un’insula di età neroniana, poi convertita in parte in una domus signorile, a metà del IV secolo, e in parte in una grande cisterna di raccolta dell’Acqua Vergine. L’accesso alla zona archeologica sotterranea di circa 400 mq si trova in vicolo del Puttarello n°25, ed è aperto dalle 11 alle 15.

banner
Close
Seguiteci su Facebook
Restate informati su Guida Viaggi