Home / Europa / Francia / Corsica: aspre montagne e coste selvagge
Golfo di Alisu, Corsica, Francia. Autore Sea-Seek. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike
Golfo di Alisu, Corsica, Francia. Autore Sea-Seek

Corsica: aspre montagne e coste selvagge

La Corsica (Corse) è, per grandezza (8,680 km²), la quarta isola del mare Mediterraneo, essa si trova ad occidente delle isole dell’arcipelago Toscano (l’isola di Capraia si trova a soli 30 km dalla Corsica), la costa della Toscana si trova a circa 80 km ad est, e a nord della Sardegna, dalla quale è separata dalle Bocche di Bonifacio, larghe 11 km.

La regione è formata dal punto di vista amministrativo da 2 dipartimenti: Alta Corsica (Haute-Corse) (2B) con capoluogo Bastia; e Corsica del Sud (Corse-du-Sud) (2A) con capoluogo Aiaccio. Il capoluogo e la città principale dell’isola è Aiaccio. Nell’isola si parla, oltre al francese, il còrso, lingua strettamente imparentata ai dialetti della Toscana.

Dal punto divista geografico, l’isola è formata da aspre montagne che attraversano l’isola da nord-ovest a sud-est, e le donano un aspetto selvaggio. Il Monte Cinto (2.706 metri) è la montagna più alta della Corsica, ma numerose sono le vette che superano i 2.000 metri, l’altitudine media del territorio corso è di 568 metri.

Le coste dell’isola, che si estendono per 1,200 km, sono selvagge e, per fortuna, in gran parte ancora intatte, per buona parte le coste sono alte e ricche di insenature e scogliere, ma diverse sono anche le spiagge, in particolare lungo la costa orientale, bassa e sabbiosa.

Corsica. Da Wikipedia. Autore Rinaldum. Licenza Creative Commons Attribution-Share Alike

Corsica. Da Wikipedia. Autore Rinaldum

L’isola fu anticamente occupata dai Fenici, poi fu possesso cartaginese e dopo le guerre puniche divenne stabilmente Romana, divenedo, nel 6 d.C., una provincia romana.

Durante il medioevo, a partire dall’XI secolo, l’isola fu possesso della città di Pisa, che però ne perse gradualmente il controllo in favore di Genova.

Nel XIII secolo, con la vittoria di Genova alla Meloria, la Corsica divenne possedimento genovese, salvo brevi parentesi aragonesi (XV secolo) e francesi (XVI secolo), l’isola rimase sotto il controllo genovese fino al 1768, anno in cui, con il Trattato di Versailles, la Corsica fu ceduta alla Francia.

L’economia dell’isola, piuttosto povera, è basata sul turismo, sull’agricoltura e sullo sfruttamento delle risorse forestali (sughero). Circa il 40% del territorio della Corsica è protetto come parco naturale regionale, oltre alle bellezze naturali del mare e delle montagne dell’interno, altri motivi di richiamo per il turista sono le belle chiese romaniche in stile pisano e le numerose fortificazioni e torri sparse per l’isola.

L’UNESCO ha inserito il Golfo di Porto, comprendente la Calanche di Piana, il Golfo di Girolata e la Riserva di Scandola, nella lista dei luoghi patrimonio dell’umanità.

  • CORSICA (CORSE)
  • Superficie: 8.680 km²
  • Popolazione: 302.000 (2008)
  • Capoluogo: Aiaccio
banner
Close
GDPR
Le leggi dell'UE richiedono che chiediamo il tuo consenso all'uso dei cookies. Utilizziamo i cookie per garantire che il nostro sito funzioni correttamente. Alcuni nostri partner pubblicitari raccolgono anche dati e utilizzano i cookie per pubblicare annunci personalizzati.




Sottoscrivete il nostro canale YOUTUBE: