Home / Europa / Spagna / Lanzarote: vulcani e deserti
Charco de los Clicos, Lanzarote, Canarie, Spagna. Author Stefan Krause. Licence Art Libre
Charco de los Clicos, Lanzarote, Canarie, Spagna. Author Stefan Krause

Lanzarote: vulcani e deserti

Lanzarote (845 kmq, 150.000 abitanti) è l’isola più orientale dell’arcipelago delle Canarie, si trova a nord-est dell’isola di Fuerteventura e a sud della piccola isola di Graciosa, il capoluogo dell’isola è la cittadina di Arrecife.

Lanzarote è un isola di origine vulcanica, presenta un corrugato paesaggio formato da montagne e aree desertiche, particolarmente suggestiva è l’area del Parco Nazionale di Timanfaya. A nord si trova la cima più alta dell’isola, il monte Peñas del Chache, nella catena del Famara, che raggiunge i 670 metri d’altezza. Nella parte meridionale dell’isola si trova la catena dei monti Ajaches (608 metri).

Abitata oggi da quasi 150.000 abitanti l’isola ha un territorio naturale brullo e desertico, ma per certi aspetti spettacolare, vi si trovano fenomeni geologici e vulcanici, con aree di vulcanismo recente, come quelli presenti nella zona dei vulcani di Timanfaya. Anche la fauna e la flora dell’isola sono interessanti vi si trovano numerose specie endemiche, oltre il 40% del suo territorio è protetto.

Playa Papagayo, Lanzarote, Canarie, Spagna. Author Luc Viatour www.Lucnix.be. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike

Playa Papagayo, Lanzarote, Canarie, Spagna. Author Luc Viatour www.Lucnix.be

Conosciuta dai Fenici e dai Romani l’isola fu nuovamente visitata dagli Arabi attorno all’XI secolo. Lanzarote fu scoperta dagli europei nel 1312 grazie alle esplorazioni del navigatore genovese Lanceloto Malocello, ma fu solo nel 1402 che gli spagnoli occuparono stabilmente l’isola, quando vi giunse una spedizione guidata da Juan de Bethencourt e Gadifer de la Salle. Pochi anni dopo l’isola di Lanzarote fu concessa in feudo dal re di Castiglia alla famiglia Herrera che la governerà fino alla fine del XVIII secolo.

Lanzaronte è oggi un importante destinazione turistica delle Canarie, l’isola è una riserva della biosfera dell’UNESCO e il 42% del suo territorio è protetto da qualche forma di tutela ambientale. Lanzarote ospita diversi paesaggi di grande valore naturalistico e geologico.

Parque Nacional de Timanfaya, Lanzarote, Canarie, Spagna. Author Luc Viatour www.Lucnix.be. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike.

Parque Nacional de Timanfaya, Lanzarote, Canarie, Spagna. Author Luc Viatour www.Lucnix.be

La più importante attrazione dell’isola sono gli scenari naturali che è possibile ammirare nel Parco Nazionale di Timanfaya (Parque Nacional de Timanfaya) che si trova nella parte centro-occidentale dell’isola. Questa zona dell’isola si è così modellata durante l’eruzione del 1730-1736, l’escursione lungo la cosiddetta Ruta de los Vulcanos permette di ammirare i punti più belli e panoramici del parco. Nel parco Montañas del Fuego è possibile osservare le manifestazioni del vulcaniche sotto forma di giochi che sfruttano il calore del vulcano.

Vicino al parco di Timanfaya si trova il Parco Naturale de La Geria che protegge una zona del meridione dell’isola nota per l’unicità del suo paesaggio vulcanico e per la coltivazione della vite per la produzione del vino. Nella parte sud dell’isola, nella zona del Macizo de los Ajaches, si trova la spiaggia più belle di Lanzarote, la Playa del Papagayo, una spiaggia di sabbia bianca molto scenografica.

Cueva de los Verdes, Lanzarote, Canarie, Spagna. Author Luc Viatour www.Lucnix.be. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike.

Cueva de los Verdes, Lanzarote, Canarie, Spagna. Author Luc Viatour www.Lucnix.be

Nel nord dell’isola si trova il vulcano de La Corona, un grande cono vulcanico le cui lave hanno un età di circa 21.000 anni. La grande attrazione di questa parte dell’isola è il grande tubo di lava sotterraneo lungo 7 km che dal vulcano raggiunge il mare e poi prosegue sott’acqua per altri 1,5 km nel tubo di lava chiamato Túnel de la Atlántida. Il visitatore può entrare nel tunnel e visitarlo in due punti attrezzati turisticamente: la Cueva de los Verdes e Jameos del Agua. Cueva de los Verdes è il punto dove il visitatore può entrare all’interno del tubo di lava. Circa 2 km del tubo di lava è stato attrezzato con luci ed è visitabile, nel Jameos Grande potrete ammirare anche la Sala del Concerto una grande cavità utilizzata per concerti sotterranei. Jameos del Agua è un luogo magico dove l’artista lanzaroteño César Manrique ha voluto mostrare ai visitatori l’armonia tra la creazione artistica e la natura. I Jameos sono punti in cui il tunnel di lava è crollato e vi si sono formate delle aperture. In questo centro di arte, cultura e turismo si trova anche un interessante museo  dedicato alla vulcanologia: la Casa de los Volcanes.

Playa de Las Conchas, La Graciosa, Canarie, Spagna. Author Gonzalo Serrano Espada. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike.

Playa de Las Conchas, La Graciosa, Canarie, Spagna. Author Gonzalo Serrano Espada

Un altra attrazione del nord di Lanzarote sono le piccole isole dell’arcipelago Chinijo, si tratta di un gruppo di isole situate a nord-est di Lanzarote. L’arcipelago è formato dalle isole di Montaña Clara, Alegranza e La Graciosa (quest’ultima è l’unica abitata) e dai piccoli isolotti di Roque del Este e Roque del Oeste. Le isole, che fanno parte del Parque natural del Archipiélago Chinijo,  sono visibili da Lazaronte dal punto panoramico del Mirador del Rio, opera anch’essa voluta da César Manrique. L’accesso all’isola di La Graciosa è possibile tramite un traghetto che in circa 35 minuti collega il porto di Orzola a Lanzarote al porto del villaggio di Caleta de Sebo.

Il capoluogo dell’isola, la città di Arrecife, ha un interessante quartiere dei pescatori, chiamato charco de San Gines, e una fortezza del XVIII secolo, il Castillo de San José, che ospita il Museo da Arte Contemporanea. Nel paese di Teguise, l’antica capitale dell’isola,  si trovano diversi edifici pregevoli, come la residenza del Governatore (Palacio Spinola), l’Iglesia Matriz de Nuestra Señora de Guadalupe e il Castillo de Santa Barbara (Guanapay) del XVI secolo. Nel vicino borgo di Guatiza si trova il Jardín de Cactus altra opera di César Manrique dove si trovano oltre 1.400 specie diverse di cactus. Nelle vicinanze di Teguise, presso il Taro de Tahiche si trova la casa di César Manrique che ospita una raccolta delle opere dell’artista.

COME ARRIVARE A LANZAROTE

VOLI: L’isola di Lanzarote ha un aeroporto internazionale situato a sud del capoluogo Arrecife nella parte meridionale dell’isola. Lanzarote grazie al suo aeroporto è  collegata oltre che con le principali città spagnole con gran parte delle nazioni europee, ci sono voli dal Regno Unito, dalla Francia, dalla Germania, dall’Olanda, dalll’Irlanda, dalla Svizzera, dalla Polonia, dal Belgio, dall’Austria, dal Portogallo, dall’Italia e dai paesi scandinavi. Le compagnie aeree che collegano l’Italia a Lanzarote sono la Ryanair e la Vueling (con scalo a Barcellona).

TRAGHETTI: Altro mezzo di trasporto per raggiungere l’isola è il traghetto. Ci sono linee regolari di traghetti che collegano il porto di Arrecife a Lanzarote con quelli di Las Palmas de Gran Canaria, Santa Cruz de Tenerife e Cadice. Nel sud dell’isola dal porto di Playa Blanca partono le imbarcazioni che collegano il porto di Corralejo nella vicina isola di Fuerteventura (tempo impiegato 15-20 minuti). Dal  porto di Orzola, nel nord dell’isola partono le imbarcazioni per l’isola di la Graciosa.

Il clima di Lanzarote.

banner
Close
Sottoscrivete il nostro canale YOUTUBE
Se vi piace viaggiare sottoscrivete il nostro canale YOU TUBE di viaggi: