Home / Europa / Spagna / Alicante: vita notturna, spiagge e mare

Alicante: vita notturna, spiagge e mare

Alicante è una città di circa 350.000 abitanti, capoluogo di provincia della Comunidad Valenciana, situata 70 km a nord-est di Murcia. La città si trova al centro di una baia che si affaccia sul mar Mediterraneo, ed è una rinomata stazione balneare e turistica della Costa Blanca. La città ha quartieri moderni e vasti giardini intorno alla parte vecchia, dominata dal castello di Santa Barbara. Alicante è un importante porto, infatti è uno sbocco marittimo di Madrid e della Spagna centrale. Da Alicante partono anche servizi di traghetti per le Baleari (Ibiza).

Il colle dove è oggi il castello di Alicante fu fortificato dai Cartaginesi nel 237 a.C.. I Romani vi fondarono il municipio di Lucentum. Nel periodo delle invasioni barbariche divenne un’importante città visigota. Passò poi ai Bizantini e, nell’VIII secolo, agli Arabi, che vi costruirono il castello. La città era in epoca araba conosciuta con il nome di Lecant. Alicante passò in mano cristiana nel XIII secolo e per la sua importanza strategica fu contesa tra Castiglia e Aragona. Fu incorporata in quest’ultimo regno nel 1296.

COSA VEDERE AD ALICANTE: LE ATTRAZIONI PRINCIPALI

Negli ultimi 50 anni, Alicante ha conosciuto un notevole sviluppo turistico grazie soprattutto al clima mite e secco, alle sue spiagge, e al suo patrimonio storico. Le spiagge rappresentano indubbiamente una delle maggiori attrazioni della città.

Molto animata è la vita notturna. Le zone più frequentate per la vita notturna sono soprattutto i numerosissimi locali del centro storico (Casco Antiguo) e quelli della zona del porto. Molto frequentata è in particolare la cosidetta Explanada de Espaňa (Paseo de la Explanada). Questo è un bellissimo lungomare con palme che va dai piedi della collina del castello fino al molo principale del porto. Viene considerato uno dei migliori lungomare della Spagna.

UN CENTRO STORICO BEN CONSERVATO

Il centro storico (Casco Antiguo), è molto ben conservato, con case e vie caratteristiche in stile andaluso, con fiori ai balconi e molti locali e bar dove poter passare il tempo. Tra gli edifici storici principali si annoverano: L’imponente castello (Castillo de Santa Bárbara) che si trova in cima al monte Benacantil, a 166 metri d’altezza, è di origine araba. Questo edificio fu ricostruito dai re cristiani nei secoli XIV, XVI e XVIII. Per meglio difenderlo fu coronato da tre cinte murarie.

Il municipio (Ayuntamiento de Alicante) in stile barocco del XVIII secolo. La Casa de La Asegurada, una delle più antiche costruzioni civili della città, edificata nel 1685 in stile barocco, oggi ospita il Museo de Arte Contemporáneo di Alicante. Il Palacio Gravina, costruito tra il 1748 e il 1808 ospita oggi il Museo de Bellas Artes Gravina, dedicato alla pittura e alla scultura regionale tra i secoli XVI e XX.

Tra gli edifici religiosi meritano una visita: La Concatedral de San Nicolás de Bari, edificio in stile rinascimentale del XVII secolo, che presenta un chiostro del XV secolo. Da visitare anche la Basílica de Santa María, in stile gotico (XIV-XVI secolo), ma largamente rimaneggiata nel XVIII secolo. Al suo interno da vedere l’altare maggiore in stile rococó, e il portale in stile barocco, entrambi del XVIII secolo. Per finire conviene visitare anche il Convento Canónigas de San Agustín iniziato nel XVIII secolo, la sua costruzione fu terminata nel XIX secolo.

Tra i musei da segnalare: El Museo de Arte Contemporáneo (MACA), Museo de Bellas Artes Gravina (MUBAG), Museo Arqueológico Provincial (MARQ).

DA VEDERE NEI DINTORNI

A 5 km a nord del centro urbano si trova il Monasterio de la Santa Faz, edificio in stile barocco risalente al XV secolo. Nel quartiere della Albufereta si trovano i resti archeologici della città romana di Lucentum, risalente al periodo tra il IV secolo a.C. e il III secolo d.C..

Dal punto di vista storico-militare sono interessanti le Torres de Defensa de la Huerta de Alicante, torrioni difensivi edificati tra il XV e il XVII secolo nella Huerta de Alicante per difendere la zona dai pirati barbareschi. Oggi restano circa 20 torri di questo tipo sparse nella zona circostante Alicante, tra le più interessanti: la Torre de la Verónica, la Torre la de Reixes, e la Torre de les Paulines.

A soli 20 km a ovest di Alicante si trova la città di Elche, il cui Palmeral (palme da dattero piantate nel X secolo dagli arabi) fa parte, dal 2000, del patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Proseguendo lungo la Costa Blanca verso nord-est, si raggiungono gli importanti centri turistici di Benidorm e Denia.

COME ARRIVARE AD ALICANTE: VOLI

Voli aerei: L’aeroporto internazionale di Alicante-El Altet (IATA: ALC) si trova 9 km a sud ovest della città. L’aeroporto è collegato con numerose nazioni europee e con le principali città spagnole. Ci sono due compagnie aeree che collegano l’Italia con l’aeroporto di Alicante. Una è la compagnia spagnola Vueling che ha voli diretti e voli con scalo a Barcellona. L’altra è la Ryanair che ha voli diretti tra alcuni aeroporti italiani e Alicante.

Il clima di Alicante.

banner