Home / Europa / Germania / Treviri: una della capitali dell’Impero Romano d’Occidente

Treviri: una della capitali dell’Impero Romano d’Occidente

Treviri (Trier) è una media città del Land tedesco della Renania-Palatinato, che conta circa 100.000 abitanti. Trier trova sulla riva destra del fiume Mosella, in un ampio bacino tra i rilievi dell’Eifel a nord e dell’Hunsrück a sud, a circa 15 km dal confine con il Lussemburgo.

Treviri è una della più antiche città della Germania essendo stata fondata dai Romani nell’anno 16 a.C.. La città fu fondata nei pressi di un insediamento militare romano, risalente al 30 a.C.. Trier fu chiamata con il nome di Augusta Treverorum, e divenne capoluogo della provincia romana della Belgica.

Durante l’Impero Romano la città prosperò. Nel 180 d.C. furono costruite le mura urbane lunghe oltre 6 km e con cinque porte d’acceso, di cui oggi resta la famosa Porta Nigra. Nel 275, la città fu distrutta dagli Alemanni. Ma successivamente Treviri (Trier) rinacque più potente di prima divenendo dal 293 al 395 una delle tre residenze dell’imperatore romano d’occidente e un importante sede vescovile. Allora era infatti conosciuta come la “seconda Roma”.

La città è infatti famosa per i numerosi edifici di epoca Romana ancora ben conservati. Nel 1986, i Monumenti Romani (la Porta Nigra, le Terme Imperiali, l’Anfiteatro, il Ponte Romano, l’Aula Palatina (Basilica), le Terme Barbara e il Mausoleo Romano di Igel (situato a Igel, a pochi km a sud-ovest di Treviri)). Ma anche la Cattedrale di San Pietro e la Chiesa di Nostra Signora (Liebfrauenkirche) di Treviri sono stati inseriti nell’elenco del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

COSA VEDERE: LE ATTRAZIONI PRINCIPALI DI TREVIRI

LA PORTA NIGRA

Tra tutti i monumenti romani di Treviri, la Porta Nigra, è oggi il simbolo della città. Questa porta romana perfettamente conservata, fu costruita nel II secolo d.C. con blocchi di arenaria, ed è formata da torri e da doppio ordine di gallerie. Fra l’XI e il XVIII secolo la porta fu inglobata nella doppia chiesa di San Simeone, di cui si conserva l’abside romanica.

GLI ALTRI MONUMENTI ROMANI

Un altro edificio ben conservato della romana Augusta Treverorum è l’Aula Palatina. Una basilica giudiziaria absidata in mattoni, con doppio ordine di finestre, eretta attorno al 310 d.C.. Questa fu la sala del trono dell’imperatore Costantino, ed in seguito fu utilizzata come fortezza dagli arcivescovi e principi elettori di Treviri. Oggi è una chiesa protestante (Chiesa del Salvatore).

Interessanti sono i resti di due grandi impianti termali romani. Le Terme Imperiali (Kaiserthermen), risalenti al IV secolo d.C. e le Terme di Santa Barbara (Barbarathermen), costruite nel II secolo d.C.. Di epoca romana sono anche i resti dell’Anfiteatro costruito attorno al 100 d.C.. La struttura poteva ospitare circa 20.000 spettatori. Sotto all’anfiteatro si trova un grande sotterraneo, accessibile ancor oggi. Infine ottimamente conservato, tanto che ancor oggi vi transitano le auto, è il Ponte Romano (Römerbrücke) sulla Mosella.

Resti di due basiliche e di un palazzo imperiale si trovano sotto la cattedrale. Mentre all’interno della struttura moderna di protezione delle Terme del mercato del bestiame, sono visibili i resti di un impianto termale romano. Sotto l’ex abbazia benedettina di St. Maximin si trova una vasta necropoli paleocristiana che comprende varie centinaia di tombe dei primi cristiani e alcune dei primi vescovi della città.

Nella zona nord della città si trova il quartiere Pfalzel. Qui gli imperatori tardo romani fecero costruire un palazzo-fortezza in posizione strategica a pochi chilometri a valle della città, vicino a un secondo ponte romano scoperto di recente. Nel quartiere diversi edifici presentano resti delle costruzioni romane fino al secondo piano.

I MONUMENTI MEDIEVALI

Tra gli edifici dell’epoca medievale, il più importante è la Cattedrale (Dom St. Peter), una delle più antiche della Germania. Essa fu costruita su i resti di un antico palazzo romano. Infatti una prima chiesa fu edificata nel IV secolo d.C., in seguito questa struttura fu parzialmente distrutta.

Il duomo fu poi ricostruito nell’XI secolo. Nel 1160 fu aggiunto il coro orientale con la cripta e l’abside in forme svevo-romaniche. Nel XIII secolo fu costruito il chiostro gotico. L’interno è formato da un’ampia navata tagliata da un vasto transetto, con due absidi, vi si conserva un ricco tesoro con rari incunaboli carolingi e ottoniani e oreficerie dei secoli X-XIII. Interessanti sono le chiese gotiche di Liebfrauenkirche, la più antica chiesa gotica della Germania, eretta nel XIII secolo con pianta a croce greca. Mentre nella Piazza del Mercato si trova la Sankt Gangolfskirche (San Gangolfo) del XV secolo.

LA PIAZZA DEL MERCATO

La Piazza del Mercato (Hauptmarkt) è il centro della Treviri medievale. Qui si affacciano la Steipe (sala delle feste del consiglio comunale), la Sankt Gangolfskirche (San Gangolfo), la misura ufficiale cittadina del braccio (ricostruzione) adiacente alla Steipe, la gogna (ricostruita), la via che conduce al Duomo e l’accesso al quartiere ebreo. Dalla Piazza del Mercato, il Vicolo degli Ebrei (Judengasse) porta nel quartiere ebreo medievale.

Lungo la riva della Mosella si trova il Quartiere delle Gru (Krahnenviertel), dove sono due gru, straordinari esempi di tecnologia antica testimoni dell’intenso traffico commerciale del passato. La gru a nord risale al 1413, mentre quella vicina al ponte romano fu costruita nel 1774. Infine da segnalare il Palazzo del Principe Elettore (Kurfürstliches Palais), un edificio in stile rococò, costruito tra il 1756 e il 1761. Nel giardino del palazzo si trovano copie di statue di dèi di epoca barocca e resti delle mura medievali della città.

Da Treviri si possono fare delle bellissime gite in barca lungo la Mosella, oppure visitare una delle tante aziende vinicole della zona dove potete gustare i vini della Mosella, tra i migliori della Germania.

COSA VEDERE: I MUSEI DI TREVIRI

Tra i musei della città troviamo la Casa di Karl Marx (Karl-Marx-Haus). Qui infatti nacque nel 1818 Karl Marx, il famoso economista e filosofo. Il Museo civico Simeonstift, è un museo civico che custodisce documenti relativi alla storia della città, dipinti e sculture dal Medio Evo al XIX secolo, una collezione di mobili con secrétaire del XVIII/XIX secolo, una collezione di tessuti copti, una raccolta di statuette asiatiche di piccolo formato. Il Museo del Giocattolo (Spielzeug-Museum), con oltre 5.000 oggetti tra giocattoli meccanici, automobiline, aeroplanini, figurine di stagno, giocattoli ispirati all’esplorazione del cielo e dello spazio, trenini in miniatura, bambole.

Un altro museo interessante è il Museo regionale Renano (Rheinisches Landesmuseum), che espone reperti archeologici dalla preistoria all’età moderna, tra cui i celebri rilievi di Neumagen, con immagini della vita sulla Mosella in epoca romana. Vi si trova anche la più ampia collezione di monete romane a nord delle Alpi e soprattutto il modello in scala “Treviri nel 360/370 d.C.”, mosaici romani, stele in pietra, reperti di epoca paleocristiana, dell’epoca merovingia e medievale.

Infine da segnalare il Museo dei Trasporti (Verkehrsmuseum) e il Museo Vescovile (Bischöfliches Dom- und Diözesanmuseum), la cui collezione comprende reperti dell’epoca paleocristiana, del Medio Evo e dell’età moderna. Tra questi, il soffitto affrescato ricomposto da frammenti, provenienti dal palazzo costantiniano situato sotto il Duomo di Treviri (IV secolo d.C.), rappresenta una delle testimonianze più significative della pittura della tarda antichità.

Il clima di Treviri.

banner