Home / Europa / Cipro / Le attrazioni turistiche di Cipro: cosa vedere a Cipro

Le attrazioni turistiche di Cipro: cosa vedere a Cipro

L’isola di Cipro è conosciuta per la dolcezza del suo clima e per essere crocevia di traffici e culture del Mediterraneo orientale. Situata tra Turchia, Egitto e Terra Santa, l’isola nell’antichità era creduta essere il luogo di nascita di Venere, dea della bellezza e dell’amore. L’isola di Cipro custodisce numerose attrazioni turistiche.

DIVERTIMENTI BALNEARI E VITA NOTTURNA

Cipro è oggi diventata un ambita e frequentata meta del turismo internazionale. Ciò è avvenuto grazie ad un mix di attrazioni turistiche, culturali, storiche, paesaggistiche e mondane. Sono soprattutto le spiagge e il mare le principali attrazioni turistiche di Cipro.

I divertimenti e la vita notturna dei molti centri balneari e di villeggiatura dell’isola ne fanno un richiamo per i giovani e gli amanti del lieto vivere. Tra le località più rinomate Paphos, Limassol, Larnaca e Agia Napa, tutte situate lungo la costa meridionale dell’isola.

UNA STORIA RICCHISSIMA

Cipro però non è soltanto mare e divertimenti. L’isola ha interessanti aspetti artistici, naturalistici e archeologici che richiamano turisti da ogni parte del mondo. Crocevia di popoli e culture Cipro ha vivaci tradizioni culturali e religiose.

I contrasti della sua natura di isola mediterranea dove crescono olivi, vigneti, pini, agrumi, ma dove ci sono montagne, i monti Troodos, che in inverno vedono la neve.

Cipro ha alcune interessanti aree archeologiche come quelle di Curium (Kourion) e Amatunte (Amathus) entrambe vicino a Limassol. Oppure i bellissimi mosaici della villa romana vicino a Paphos. Le Tombe dei Re e gli scarsi resti del tempio di Venere sempre a Paphos. Qui, lungo la costa, è anche visibile la roccia dove secondo la tradizione mitologica nacque Venere, la Petra Tou Romiou. A nord di Famagosta si trovano i resti archeologici di Salamina, l’antica capitale di Cipro, mentre lungo la costa settentrionale sono da visitare gli scavi di Soli e quelli del palazzo di Vuni, situati a sud-ovest di Morphou.

Anche il medioevo ha lasciato un impronta indelebile nell’arte e nella storia di Cipro. Gli aspetti principali di questo periodo sono evidenziati dalla ricchezza delle chiese e dei monasteri bizantini ricchi di opere d’arte, dipinti, mosaici. Ma anche dalle imponenti fortezze crociate, veneziane e turche, come a Famagosta, Kyrenia, Nicosia, Paphos, Kolossi, Limassol e nei tre castelli delle montagne di Kyrenia (Buffavento, Kantara e Saint Hilarion).

L’Unesco ha inscritto 3 siti ciprioti nella lista dei luoghi patrimonio dell’umanità. Questi sono tutti siti a carattere archeologico, storico e artistico. Tra essi fanno parte, le chiese dipinte nella regione di Troodos (1985), i resti archeologici di Paphos (1980), e l’insediamento preistorico del neolitico di Choirokoitia (1998).

Il clima di Cipro.

banner