Home / Oceania / Polinesia Francese / Tahiti: un nome che evoca il paradiso

Tahiti: un nome che evoca il paradiso

Tahiti è la più grande (1.048 kmq) delle isole della Polinesia Francese, oltre ad essere il cuore pulsante della regione. La capitale della Polinesia Francese, la città di Papeete, si trova qui, e su quest’isola vive circa il 70% della popolazione di tutti gli arcipelaghi della Polinesia Francese.

LA GEOGRAFIA

L’isola di Tahiti è un isola di origine vulcanica. Ed è formata da due parti, Tahiti Nui e Tahiti Iti, collegate tra loro da uno stretto istmo. L’isola è ricca di montagne, qui si trova anche la montagna più alta della Polinesia Francese, il Monte Orohena, che arriva ai 2.241 metri d’altezza.

Gli abitanti di Tahiti sono concentrati lungo la stretta fascia costiera. Le selvagge montagne dell’interno infatti non permettono insediamenti. L’interno dell’isola è ancora oggi di una bellezza selvaggia fatto di picchi maestosi ricoperti di vegetazione e di cascate. Mentre la costa è caratterizzata da spiagge di sabbia, raramente sabbia corallina bianca, ma più spesso sabbia nera vulcanica.

Tetiaroa, Polinesia Francese. Author Supertoff. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike

Tetiaroa, Polinesia Francese. Author Supertoff

LA STORIA

Tahiti fu scoperta dai navigatori europei nel 1767. In quell’anno fu l’inglese Samuel Wallis ad avvistare e a sbarcare come primo europeo sull’isola. Egli ne riportò commenti entusiastici a causa dell’indole pacifica e libera degli abitanti, della dolcezza del clima, e della bellezza della natura.

Anche le spedizioni successive ebbero le stesse entusiastiche esperienze. Vi giunsero il francese Louis de Bouganville nel 1768, e l’inglese James Cook in tre successivi viaggi. Tutte queste spedizioni europee contribuirono a far nascere il mito delle isole dei mari del Sud. Mito che in gran parte è tuttora presente nell’immaginario collettivo.

Davanti alla costa occidentale di Tahiti si trova l’isola di Moorea che dista una decina di chilometri. Da questo lato dell’isola, che è quello  dove si trova l’aeroporto internazionale di Faaa e la città di Papeete, ci sono stupendi tramonti che si possono ammirare su Moorea e le sue montagne. L’atollo corallino di Tetiaroa che è stato di proprietà privata dell’attore americano Marlon Brando fino alla sua morte si trova a circa 50 km a nord di Tahiti.

banner