Home / Asia / India / Sikkim: piccolo stato indiano dell’Himalaya

Sikkim: piccolo stato indiano dell’Himalaya

Il Sikkim, antica monarchia himalayana, è diventato nel 1975 il 22° stato dell’Unione Indiana. Il piccolo paese si trova nell’Himalaya orientale, tra gli stati del Nepal e del Bhutan, ed ha un territorio ricco di montagne, foreste, ghiacciai, sorgenti termali e laghi.

Il paese è quasi esclusivamente montuoso, incuneato nell’Himalaya, tra il Nepal e il Bhutan, il suo territorio s’innalza dai 280 metri del suo punto più basso fino agli oltre 8.000 metri del monte Kangchenjunga (8.586 metri), che è la montagna più alta del Sikkim e dell’India, oltre ad essere la terza più alta montagna del mondo.

La maggioranza della popolazione del paese è di etnia nepalese. La religione più praticata dagli abitanti del Sikkim è l’induismo (60%), seguita dal buddismo (28%). Mentre i cristiani sono il 6% della popolazione. Il nepalese è la lingua franca del Sikkim, ma vi si parlano anche l’hindi e l’inglese. Le città più importanti sono la capitale Gangtok, e le cittadine di Geyzing, Mangan e Namchi.

L’economia del Sikkim è in gran parte agricola. Vi si producono in particolare riso, tè e spezie come il cardamomo. Ma il turismo è sempre più importante grazie alla ricca tradizione culturale delle popolazioni, agli scenari naturali e alla biodiversità del territorio del paese. Tra le cose da vedere nel Sikkim, la prima meta è senz’altro il capoluogo, Gangtok, dove si trova il palazzo del Maharaja e un importante monastero buddhista.

UN PAESE RICCO DI MONASTERI E BELLEZZE NATURALI

Nel resto del paese sono da visitare gli importanti monasteri di Rumtek, Enchen, Tashidind e Pemayangtse. Il paese è interessante anche per il folklore e le feste religiose. Tra le bellezze naturali le vette dell’Himalaya e i laghi glaciali come il lago Tsongmo o Changu.

Il paese è servito da un unico aeroporto il Pakyong Airport che si trova a circa 30 km a sud della città di Gangtok. L’aeroporto è stato inaugurato nel 2018. Ma i voli sono stati sospesi dopo pochi mesi a causa delle condizioni poco sicure della pista. L’aeroporto più vicino attualmente utilizzato da chi si reca in Sikkim è quello di Bagdogra che si trova ad oltre 5 ore di strada da Gangtok.

banner