Home / Oceania / Polinesia Francese / Consigli pratici per un viaggio in Polinesia Francese

Consigli pratici per un viaggio in Polinesia Francese

Le isole della Polinesia Francese, così come tutte le splendide isole del sud Pacifico, sono una delle destinazioni preferite da chi va in viaggio di nozze. In questo articolo provo a dare alcune indicazioni per chi vorrà visitare queste isole da sogno di cui mi sono innamorato.

L’unico aeroporto internazionale della Polinesia Francese è quello di Tahiti Faaa (Papeete), nell’isola di Tahiti. Per cui tutti i turisti che arrivano in aereo arriveranno qui.

Se decidete di fare un viaggio in Polinesia Francese potete prenotare alberghi in ogni isola. Ma dovrete scegliere quante isole e poi quali isole visitare. Molto dipende dal tempo che deciderete di passare in Polinesia Francese. Secondo me – a causa del lungo volo, di solito più di 20 ore totali – sono necessarie almeno due settimane di soggiorno.

Tutte le isole della Società (cioè quelle più vicine a Tahiti) sono raggiungibili tramite volo gestito da Air Tahiti (c’è anche un traghetto, ma occorre avere più tempo a disposizione). Ad esempio per raggiungere Bora Bora (l’isola più turistica) è necessario prendere un volo interno dallo stesso aeroporto di Tahiti, il tempo di volo è di circa 50 minuti.

Le tipologie di isole sono essenzialmente due, quelle vulcaniche e gli atolli. Consiglio la visita ad almeno un atollo e ad almeno due isole vulcaniche. Il soggiorno minimo per isola è di 3/4 notti.

Bora Bora, Polinesia Francese. Author Tensaibuta. Licensed under the Creative Commons Attribution

Bora Bora, Polinesia Francese. Author Tensaibuta

QUALI ISOLE VISITARE?

Per le isole da scegliere dipende molto dai gusti personali, secondo me nell’arcipelago della Società conviene visitare Moorea (per le sue montagne), Bora Bora (molto turistica ma sono davvero belle sia la sua laguna che la montagna dalla forma bizzarra che domina l’isola), Maupiti (la più piccola, ma la più autentica, una Bora Bora in miniatura) e Huahine (con numerosi resti archeologici).

Tra gli atolli delle isole Tuamotu, quello di  Rangiroa è il più conosciuto ma sono molto belli, tra quelli più turistici, anche quelli di Manihi, Ahe e Fakarava.

Nelle isole Australi l’isola più bella è Raivavae. Mentre per chi ama l’avventura le isole Gambier e le isole Marchesi sono due destinazioni davvero remote, ma molto belle della Polinesia Francese.

Chi fa un viaggio in Polinesia Francese dovrebbe sapere che in questa aprte del mondo ci si deve preparare ad apprezzare la natura meravigliosa delle isole (gechi compresi, siamo ai tropici). In queste isole oltre alla natura non c’è altro. Per cui a letto presto e sveglia all’alba per ammirare le favolose albe polinesiane…. Al limite la sera, se non c’è la Luna, potete ammirare lo spettacolo del cielo notturno, ve ne assicuro ne vale veramente la pena.

Mi è capitato di trovare alcuni turisti fuggire dopo 15 minuti dall’arrivo in albergo per la presenza di un piccolo geco in camera… senza neanche vedere l’isola e ritornarsene a Tahiti e alla “civiltà” di corsa. Della serie se vuoi la “civiltà” è meglio che te ne stai a casa.

Rangiroa, Polinesia Francese. Author Daniel Julie. Licensed under the Creative Commons Attribution

Rangiroa, Polinesia Francese. Author Daniel Julie

DOVE SOGGIORNARE?

Altra cosa da considerare è la  scelta della  categoria dell’albergo in cui soggiornare. Se decidete per hotel di lusso cioè quelli presentati nei cataloghi delle agenzie. Dovrete considerare oltre al costo stratosferico delle notti anche i costi stratosferici dei pasti e di ogni extra.

Se siete persone sportive e avete viaggiato molto, suggerirei – sia per ridurre i costi sia perché è molto più bello il contatto con i locali – di soggiornare in strutture gestite dai polinesiani. Tali strutture sono spesso dei carini bungalow di legno con camera e bagno privato. E di solito offrono pernottamento con la mezza pensione o la pensione completa a prezzi veramente accessibili (per la Polinesia  Francese).

Per i voli tra le isole ci sono pass di Air Tahiti che comprendono la possibilità di visitare varie isole e vari arcipelaghi.

Una cosa da sapere: la maggior parte delle isole montuose della Polinesia Francese non hanno molte spiagge. Le spiagge da cartolina sono di solito sui motu (isolotti) della laguna. Per esempio se visitate Bora Bora dovete sapere che nell’isola principale c’è solo una spiaggia presso la punta di Matira. Mentre le altre piccole spiagge si trovano nelle isolette della laguna (motu). In queste isolette si trovano anche la maggior parte degli hotel di lusso e quindi se vi trovate su un albergo su un motu sarete costretti a mangiare nell’albergo di solito a cifre  stratosferiche… molto consigliata in questi casi la mezza pensione o la pensione completa.

Se poi la Polinesia Francese è troppo costosa, nel Pacifico ci sono destinazioni che non hanno niente da invidiare alla Polinesia Francese,  ma ad un prezzo più contenuto, come, ad esempio le isole Cook e le isole Samoa.

banner