Home / Oceania / Hawaii / Niihau: “l’isola proibita” delle isole Hawaii

Niihau: “l’isola proibita” delle isole Hawaii

Al di là del Kaulakohi Channel, al largo della costa occidentale di Kauai, si trova un’isola brulla e arida: l’isola di Niihau. Quest’isola misura 18 miglia di lunghezza e circa sei miglia di larghezza. La sua altezza massima è il Monte Pānī’au (381 metri di altezza). L’isola è popolata quasi esclusivamente da hawaiani ed è “kapu” cioè vietata a tutti, anche agli abitanti di Kauai. L’ “isola proibita”, Niihau (180 km quadrati) è l’ultimo luogo dove viene vissuta la semplice vita hawaiana di tanto tempo fa. Nel 1864, la famiglia Sinclair acquistò l’isola dal re Kamehameha V e oggi l’isola rimane un possedimento privato nelle mani dei loro discendenti, la ricca famiglia Robinson di Kauai.

UN’ISOLA DOVE SI VIVE LA VERA VITA HAWAIANA

Praticamente tutti i 250 residenti dell’isola di Niihau lavorano per la famiglia Robinson. Allevando bovini e ovini nella fattoria, producendo carbone dagli alberi Kiawe e raccogliendo il miele. I preziosi gusci delle conchiglie di Niihau sono raccolti e infilati nelle collane di conchiglie che sono diventati preziosi oggetti da collezione per la loro bellezza e per il loro scrupoloso artigianato.

Il lungo processo di creazione di una collana di conchiglie inizia con la raccolta delle minuscole conchiglie dalle spiagge dell’isola spazzate dalle onde dell’oceano e con la loro classificazione in base al loro colore e dimensione. I gusci vengono poi puliti accuratamente e forati. Le collane vengono montate in una grande varietà di modelli. Gusci di conchiglie dai differenti colori vengono usati nelle collane di Niihau: marrone-maculato, bianco, bianco puro, blu, rosa, rosso, verde, nero e giallo. Una collana di questi fantastici gusci di conchiglie è davvero un pezzo da collezione.

La vita è semplice su Niihau. Sull’isola c’è solo una piccola scuola di grammatica. Non ci sono fogne, raccolta dei rifiuti, elettricità, telefoni, armi, alcolici, carceri o medici. La gente vive in semplici case di legno e di solito viaggiano a cavallo. Niihau è anche l’unica isola hawaiana dove la lingua hawaiana è ancora la lingua principale e quella utilizzata nella conversazione quotidiana. I 250 abitanti potranno probabilmente presto rimanere gli ultimi e i soli abitanti madrelingua della lingua hawaiana in tutto l’arcipelago delle Hawaii.

banner