Home / America Centrale e Caraibi / Bahamas / Long Island: l’isola più scenografica delle Bahamas
Cape Santa Maria Beach, Long Island, Bahamas. Author and copyright Marco Ramerini
Cape Santa Maria Beach, Long Island, Bahamas. Autore e copyright Marco Ramerini

Long Island: l’isola più scenografica delle Bahamas

Conosciuta come una della più belle isole dell’arcipelago, Long Island si trova nella parte sud-orientale delle Bahamas. Il Tropico del Cancro attraversa la parte nord dell’isola. L’isola è lunga circa 130 km e larga 6 km nel punto più largo – per una superficie totale di 596 kmq. Cristoforo Colombo vi approdò a metà ottobre 1492 durante il suo primo viaggio e qui all’estremo nord dell’isola si trova un monumento dedicato all’esploratore genovese e agli abitanti originari dell’isola i Lucayan. Sembra che in quest’isola egli effettuò il suo terzo sbarco in America dopo quelli nelle isole di San Salvador e di Rum Cay. Colombo chiamò l’isola “Fernandina”, mentre gli abitanti originari – gli indiani Lucayan – la chiamavano “Yuma”. Il Columbus Point è il secondo punto più alto delle isole Bahamas – il punto più alto dell’arcipelago è il Mount Alvernia su Cat island che raggiunge i 63 metri di altezza – e dalla cima del monumento si gode di una spettacolare vista sulle scogliere rocciose e sulle lingue di sabbia bianca che si confondono con il mare cristallino. Basta poca immaginazione per vedere nella baia sottostante al monumento le tre caravelle di Colombo….da allora deve essere cambiato veramente poco…

Long Island è caratterizzata da coste molto diverse: lungo la costa orientale – quella rivolta verso l’oceano Atlantico – ci sono grotte e scogliere mozzafiato dove si infrangono le onde dell’oceano Atlantico. Sulla costa occidentale – quella rivolta verso il mare dei Caraibi – ci sono spiagge tranquille di fine sabbia bianca protette dalla barriera corallina. L’isola è un paradiso per i pescatori, i subacquei e i diportisti. La costa occidentale dell’isola è più tranquilla, qui i visitatori troveranno spiagge di morbida sabbia bianca che scivolano gradualmente nelle splendide acque turchesi del mar dei Caraibi. Tra le spiagge più belle c’è quella di Cape Santa Maria, una lunga striscia di 4 km di sabbia bianca e mare cristallino, situata sul lato del Mar dei Caraibi all’estremità settentrionale dell’isola, dove sorge il Cape Santa Maria Beach Resort. A Long Island si trova anche il Dean’s Blue Hole, uno tra i più spettacolari e il più profondo buco blu marino del mondo – esso precipita di 202 metri in una baia lungo la costa sud-orientale dell’isola ed ha un diametro che varia tra i 25 e i 30 metri.

Veduta dal Monumento a Cristoforo Colombo, Long Island, Bahamas. Author and copyright Marco Ramerini.

Veduta dal Monumento a Cristoforo Colombo, Long Island, Bahamas. Autore e copyright Marco Ramerini.

Hamilton’s Cave è una delle più grandi grotte delle Bahamas, questo antico sistema di grotte ha passaggi di 15 metri di larghezza e un soffitto alto – in alcuni punti – oltre 3 metri. Manufatti e disegni rupestri della tribù indiana dei Lucayan – che vivevano in questa grotta oltre 500 anni fa – sono stati scoperti qui nel 1936.

La popolazione dell’isola è formata da circa tre mila abitanti – quasi tutti di origine africana – che vivono in piccoli insediamenti, tra questi quello di Deadman’s Cay – che si trova al centro dell’isola – è il più popolato. Nella parte settentrionale si trovano i centri abitati di Stella Maris – dove si trova anche uno dei due aeroporti dell’isola -, Glintons Settlement, Burnt Ground Settlement e Simm’s Settlement dove si trova il piccolo porto dove arrivano i traghetti. A sud di Deadman’s Cay si trova il porto di Clarence Town che si affaccia lungo la costa orientale. Caratteristica architettonica di Clarence Town sono le Twin Churches: due chiese simili edificate agli inizi del novecento da Padre Jerome Hawes, la prima chiesa – la St. Paul’s Church – l’edificò quando era Anglicano, mentre la St. Peter’s & St. Paul’s Church fu da lui edificata dopo la sua conversione al cattolicesimo.

La vegetazione dell'interno dell'isola, Long Island, Bahamas. Author and copyright Marco Ramerini

La vegetazione dell’interno dell’isola, Long Island, Bahamas. Autore e copyright Marco Ramerini

Tra Deadman’s Cay e Clarence Town si trova il piccolo insediamento di Buckleys dove si deve visitare l’interessante museo dedicato alla storia e alla cultura di Long Island e delle Bahamas. Nel museo viene rappresentato uno spaccato delle tradizioni della gente di Long Island. Qui è possibile vedere la vita della popolazione di Long Island a cominciare dall’epoca pre-colombiana fino ai giorni nostri. L’edificio dove si trova il Museo ospita anche la Biblioteca e il Centro della Comunità (Community Centre).

L’isola è attraversata da nord a sud da una strada principale, che va da Cape Santa Maria, sulla punta nord di Long Island, fino all’insediamento di Gordon’s nella punta meridionale. Tra le località di Stella Maris, Deadman’s Cay e Clarence Town fanno servizio alcuni taxi. A Long Island, si può scegliere anche di noleggiare un’auto o uno scooter per visitare l’isola. Alcuni alberghi hanno anche biciclette a disposizione per i loro ospiti ed è anche possibile e gradevole viaggiare a piedi per tratti più brevi.

Il mercato settimanale dell’isola – il Farmer’s Market – si svolge ogni sabato mattina tra le 9 e le 12 nel villaggio di Salt Pond al centro dell’isola. Qui vengono venduti i prodotti dell’isola tra cui frutta, verdura e piante autoctone delle Bahamas. Tra gli altri prodotti in vendita si trovano prodotti autentici delle Bahamas tra cui monili, artigianato, dipinti e borse in paglia.

L’economia dell’isola si basa sulla pesca, sul turismo e sull’agricoltura. L’agricoltura è generalmente quella di sussistenza vi crescono piselli, mais e banane, gli abitanti allevano anche piccoli animali come i maiali, i polli, le capre e le pecore.

L'aereo che collega l'aeroporto di Stella Maris con Nassau. Long Island, Bahamas. Author and Copyright Marco Ramerini

L’aereo che collega l’aeroporto di Stella Maris con Nassau. Long Island, Bahamas. Autore e Copyright Marco Ramerini

COME ARRIVARE A LONG ISLAND: Long Island è servita da due aeroporti – Deadman’s Cay Airport (IATA: LGI) e Stella Maris Airport (IATA: SML) – entrambi collegati da voli regolari con l’aeroporto di Nassau – Lynden Pindling International Airport (IATA: NAS). Le compagnie aeree che collegano l’isola a Nassau sono la Bahamasair, la Pineapple Air e la Southern Air Charter.

Long island è collegata – di solito da due collegamenti alla settimana con la capitale delle Bahamas, Nassau e con George Town nell’isola di Exuma – tramite i traghetti della Bahamas Ferry Service, che fanno scalo nel porto di Simm’s Settlement a Long Island. Il tempo per la traversata da Nassau a Long Island è di 14 ore compresa la fermata a George Town nell’isola di Exuma. Mentre tra Long Island e Exuma il tempo della traversata è di 4 ore. Inoltre ci sono anche due battelli postali che collegano l’isola con alcune isole vicine.

banner