Home / Asia / Kazakistan / Kazakistan: deserti, steppe e altopiani
Kazakistan. Author Kalvis Vitolins. No Copyright
Kazakistan. Author Kalvis Vitolins

Kazakistan: deserti, steppe e altopiani

Il Kazakistan (Kazak Respublikasy) è una repubblica presidenziale situata nell’Asia centrale, confina a est con la Cina, a sud con il Kirghizistan, l’Uzbekistan e il Turkmenistan, a ovest si affaccia sul Mar Caspio, a ovest e a nord confina con la Russia.

La capitale è Astana, le città principali sono Almaty (Alma-Ata), la vecchia capitale del paese, Karaganda, Simkent, Žambyl, Öskemen, Semey e Pavlodar. Il territorio del Kazakistan è formato, verso ovest e nord, da una vasta pianura, verso sud ed est, da altopiani, chiusi verso est e sud-est da catene montuose facenti parte del massiccio del Tian Shan.

Le pianure occidentali fanno parte del Bassopiano Turanico, mentre quelle settentrionali appartengono al Bassopiano Siberiano Occidentale, le due aree pianeggianti sono tra loro unite dalla depressione nota come Porta del Turgaj.

Mappa del Kazakistan

Mappa del Kazakistan

La zona centro-orientale del paese è formata dal vasto altopiano delle Alture del Kazakistan. Nell’area orientale e sud-orientale s’innalzano le catene montuose appartenti al Tien Shan, mentre nella parte nord-orientale si trovano le montagne dell’Altaj.

Nel massiccio del Tien Shan lungo il confine tra il Kazakistan, la Cina e il Kirghizistan si trova il monte più alto del Kazakistan, il Khan Tengri (7.010 metri).

L’area sud-occidentale del paese è caratterizzata da terreni aridi e stepposi talvolta vere e proprie aree desertiche, tra il lago d’Aral e il Mar Caspio si estende l’altopiano di Ustyurt, un deserto sassoso, mentre a sud-est del lago d’Aral si trova il deserto di Kyzylkum, tra il lago d’Aral e il lago Balkash troviamo il deserto argilloso di Betbakdala e il deserto di Muyunkum.

Verso occidente, il Kazakistan presenta una lunga fascia costiera sul Mar Caspio (il lago più grande del mondo, 371.000 kmq), in questa zona si trova anche il punto più basso del paese, la depressione di Vpadina Kaundy (-132 metri).

Tra i laghi, appartengono al Kazakistan la sezione settentrionale del Lago d’Aral (salato, 41.000 kmq, ma adesso ridotto a soli 17.000 kmq), il Lago Balkash (16.996 kmq), che ha la particolarità di avere la sua parte occidentale di acqua dolce, mentre quella orientale è salata, il Lago Alakol (salato, 2.650 kmq), e il Lago Zaysan (dolce, 1.810 kmq). I fiumi più importanti del paese sono il Syr-Darya, l’Ural, l’Ili, l’Irtyš, l’Ishim e il Tobol.

Nell’economia del Kazakistan notevole è lo sviluppo dell’agricoltura, vi vengono coltivati frumento, riso, orzo, mais, segale, avena, barbabietole da zucchero, cotone, ortaggi, frutta, tabacco; molto sviluppato è anche l’allevamento (ovini, suini, bovini, cavalli, volatili da cortile), ma la vera ricchezza del paese sono i suoi giacimenti minerari (uranio, argento, nichel, bauxite, manganese, cromite, rame, carbone, petrolio, gas naturale, ferro, zinco, cobalto, piombo) a cui sono legate le attività industriali operanti soprattutto nei settori siderurgico, metallurgico, meccanico, chimico, petrolchimico oltre a quello della trasformazione dei prodotti agricoli. A Bajkonur ha sede un centro spaziale.

  • Superficie: 2.717.300 kmq. (Arativo 13%, Prati e Pascoli 69%, Foreste e Boschi 3,5%, Incolto e Improduttivo 14,5%)
  • Popolazione: 15.200.000 (agg. 2006) (Kazaki 59%, Russi 25%, Ucraini 3%, Uzbeki 3%, Tatari 1,5%, Tedeschi 1,4%).
  • Capitale: Astana.
  • Lingue: Le lingue ufficiali sono il Kazako. e il Russo.
  • Religione: Musulmana 47% (Sunnita), Cristiana 46% (Ortodossa 44%, Protestante 2%).
  • Moneta: Tenge (KZT)
  • Fuso orario: +4/+5 ore rispetto all’Italia (+3/+4 ore quando in Italia è in vigore l’ora legale). UTC +5/+6 ore.

banner