Home / Asia / Turchia / Istanbul: punto di incontro tra l’oriente e l’occidente
Mappa di Costantinopoli (1422). Author Cristoforo Buondelmonti. No Copyright
Mappa di Costantinopoli (1422). Author Cristoforo Buondelmonti

Istanbul: punto di incontro tra l’oriente e l’occidente

Istanbul è la più importante città della Turchia, è infatti il principale polo economico e culturale dello stato, oltre ad essere la città più popolata del paese e la principale meta turistica. Istanbul grazie alla sua posizione geografica e alla sua storia rappresenta un punto di incontro tra l’oriente e l’occidente, la città si trova lungo il Bosforo e si estende su entrambi i lati dello stretto, la città antica ha il suo cuore nella parte europea, mentre i sobborghi moderni si estendono per lo più nella parte asiatica.

Istanbul fu fondata da coloni greci nel VII secolo a.C. con il nome di Bisanzio, sul promontorio tra il Corno d’Oro e il mar di Marmara. La città, situata in posizione altamente strategica, ebbe un rapido sviluppo sia in epoca greca che in epoca romana. Durante il governo dell’imperatore romano Costantino, nel 330 d.C. divenne la capitale dell’Impero Romano, cambiando il proprio nome in quello di Costantinopoli. In questo periodo fu abbellita di sontuosi palazzi e circondata da possenti mura difensive.

Nel 395 d.C. con la divisione dell’Impero Romano, Costantinopoli divenne la capitale della parte orientale dell’Impero Romano, il cosiddetto Impero Bizantino, e ne rimase capitale per oltre mille anni (395–1204 e 1261–1453). Tra il 1204 e il 1261, a seguito della quarta crociata, la città fu la capitale dell’Impero Latino. Il 29 Maggio 1453, dopo un assedio di 8 settimane, Costantinopoli cadde sotto il potere delle truppe del sultano ottomano Maometto II, divenendo, con il nome di Istanbul, la capitale dell’Impero Ottomano.

Rumeli Hisarı, Istanbul, Turchia. Autore Xabier Armendaritz. Licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Rumeli Hisarı, Istanbul, Turchia. Autore Xabier Armendaritz

Metropoli moderna e capitale commerciale della Turchia, Istanbul è stata in passato centro di alcuni tra i più importanti imperi della storia: l’impero Bizantino e l’impero Ottomano. Passata alla storia prima come Bisanzio e poi come Costantinopoli, assunse il nome attuale di Istanbul con la conquista islamica del 1453.

La città attuale può essere suddivisa in tre parti ben distinte: le parte più antica della città si trova sul promontorio tra il Corno d’Oro e il Mar di Marmara, mentre tra il Corno d’Oro e il Bosforo si trova il moderno quartiere di Beyoglu, sul lato asiatico è infine il sobborgo commerciale di Uskudar (Scutari).

La città presenta meravigliosi resti del suo antico passato: tra i monumenti, le chiese, le moschee, i castelli e i palazzi più spettacolari troviamo: la cattedrale di Santa Sofia, il meraviglioso palazzo Topkapi dove risiedevano i sultani ottomani, la moschea di Solimano il Magnifico, la moschea di Rustem Pasa, la Moschea Blu, la chiesa Kahriye Camii – famosa per i mosaici -, i castelli di Anadolu e di Rumeli. Tra i molti musei da visitare ci sono: il Museo del Serraglio (Topkapi), il museo Archeologico, il Museo dei Mosaici e il Museo dell’Antico Oriente.

banner
Close
GDPR
Le leggi dell'UE richiedono che chiediamo il tuo consenso all'uso dei cookies. Utilizziamo i cookie per garantire che il nostro sito funzioni correttamente. Alcuni nostri partner pubblicitari raccolgono anche dati e utilizzano i cookie per pubblicare annunci personalizzati.




Sottoscrivete il nostro canale YOUTUBE: