Home / America del Sud / Ecuador / Ecuador: la cordigliera delle Ande e le Galapagos

Ecuador: la cordigliera delle Ande e le Galapagos

L’Ecuador (República del Ecuador) è una repubblica presidenziale situata lungo l’equatore, nella parte nord-occidentale dell’America Meridionale. La repubblica ecuadoregna è bagnata a ovest dall’Oceano Pacifico, confina a nord con la Colombia, a est e a sud con il Perú. Fa parte dello stato ecuadoregno anche l’arcipelago delle isole Galapagos nell’Oceano Pacifico.

IL PAESE DEI VULCANI E DELLE ISOLE GALAPAGOS

L’Ecuador è il paese dei vulcani, delle elevate vette della catena andina, e delle isole Galapagos. Ma il suo territorio è formato anche da una pianura costiera, larga non più di 150 km, che si affaccia sull’Oceano Pacifico. In questa area, lungo il fiume Guayas, si trova la città più popolata e il maggiore porto e centro commerciale del paese, Guayaquil, che conta una popolazione di oltre tre milioni di abitanti.

Oltre la fascia costiera s’innalza maestosa la cordigliera delle Ande, che si estende da nord a sud per oltre 600 km, divisa in due catene parallele da una depressione con un altezza media di 2.500 metri. La capitale del paese, Quito, si trova in quest’area, a 2.850 metri, ai piedi del vulcano Pichincha (4.784 metri). Questo vulcano fa parte della Cordigliera Occidentale, dove si trova anche la vetta più alta del paese, il Chimborazo (6.268 metri). Un altro notevole vulcano di questa parte della cordigliera è l’Illiniza (5.248 metri).

La parte orientale della catena montuosa è formata dalla maestosa Cordillera Real ricchissima di elevate montagne, in parte vulcani ancora attivi come il Cotopaxi (5.897 metri), il Cayambe (5.790 metri), l’Antisana (5.704 metri), il Sangay (5.230 metri) e il Tungurahua (5.023 metri). A oriente delle Ande si trova la parte ecuadoregna del bacino amazzonico, un area selvaggia, ricca di foreste e poco popolata, ma anche la zona più estesa del paese. Numerosi sono i fiumi del paese, scorrono verso l’Oceano Pacifico l’Esmeraldas e il Guayas. Mentre fanno parte del bacino del Rio delle Amazzoni il Napo, il Pastaza, il Tigre e il Putumayo. Quest’ultimo segna per un tratto il confine con la Colombia.

UN’ECONOMIA AGRICOLA POVERA

L’agricoltura è un settore base dell’economia, ma viene condotta con tecniche arretrate, ed è ancor oggi un settore poco sviluppato e solo lungo la fascia costiera l’attività diviene redditizia. Qui vengono prodotti il cacao (il paese è il secondo produttore americano dopo il Brasile), le banane (tra i maggiori produttori del mondo), il caffè, la canna da zucchero, il cotone, il tabacco, la frutta (manghi, ananassi, arance, mandarini, limoni, pompelmi, noci di cocco, papaia), la tagua (un tipo di palma). Nell’interno si coltivano invece orzo, grano, frumento, riso, manioca, patate, pomodori, arachidi, soia.

NOTEVOLI RISORSE MINERARIE

Buone sono le risorse del sottosuolo, la più importante è senza dubbio il petrolio, di cui il paese ha notevoli giacimenti. Vi si estrae poi gas naturale e oro. Numerose sono le raffinerie di petrolio. Notevole è anche la ricchezza del patrimonio forestale da cui si ricava legname (l’Ecuador è il massimo produttore mondiale di legno di balsa) e caucciù. Importante la pesca di gamberi, aragoste e tonni. Per quanto riguarda l’allevamento si allevano bovini, ovini, suini e lama. L’industria è sviluppata nei settori tessile, alimentare e del tabacco. Buone sono, infine, le attrazioni turistiche, al primo posto della quali si trovano le isole Galapagos, un importante paradiso naturalistico.

Il clima dell’Ecuador.

  • Superficie: 272.045 kmq. (Arativo 10,7%, Prati e Pascoli 18%, Foreste e Boschi 55%, Incolto e Improduttivo 16,3%)
  • Popolazione: 17.000.000 (agg. 2019) (Amerindi (Quechua) 40%, Mestizos (discendenti di europei e amerindi) 40%, Europei 15%, Africani e Mulatti (discendenti di africani e europei) 5%).
  • Capitale: Quito.
  • Lingue: Lingua ufficiale è lo Spagnolo. Parlato dalle popolazioni indigene il Quechua.
  • Religione: Cattolica Romana 95%; Protestante 5%.
  • Moneta: la moneta locale è il Sucre (ECS) ma di fatto in tutto il Paese viene utilizzato il Dollaro USA.
  • Fuso orario: -6 ore rispetto all’Italia (-7 ore quando in Italia vige l’ora legale). UTC -5 ore (UTC -6 ore, alle Isole Galapagos).

ALLOGGI, APPARTAMENTI, B&B E HOTEL

Booking.com
banner