Home / America del Nord / Stati Uniti / Arizona / Diario di Viaggio in Arizona e Utah: dalla Monument Valley a Moab
Chesler Park, The Needle, Canyonlands National Park, Utah, Stati Uniti. Author National Park Service Photo. No Copyright
Chesler Park, The Needle, Canyonlands National Park, Utah, Stati Uniti. Author National Park Service Photo

Diario di Viaggio in Arizona e Utah: dalla Monument Valley a Moab

<—- DALLA FORESTA PIETRIFICATA ALLA MONUMENT VALLEY

5° giorno: Kayenta (Monument Valley)-Moab 5 maggio, variabile con molto vento

Oggi abbiamo percorso 320 miglia da Kayenta a Moab (via Natural Bridges National Monument e Canyonlands (The Needles) National Park). Siamo partiti alle 8,30 da Kayenta e siamo arrivati a Moab alle 17. Lasciamo Kayenta riattraversando la bellissima Monument Valley che lasciamo con un pò di nostalgia. Siamo nello stato dello Utah.

Ci addentriamo nel West più selvaggio! Prendiamo una strada sterrata che segue la montagna tortuosa e la percorriamo, lo scenario è davvero unico, non c’è protezione nella strada, sotto di noi c’è il baratro più profondo, è bellissimo! Arriviamo in cima e da qui si possono ammirare le fantastiche Goosenecks, gole profonde scavate da un affluente del Colorado, il San Juan River.

Vediamo anche il caratteristico Mexican Hat, una bella formazione rocciosa che sembra un sombrero messicano. Proseguiamo poi per i Natural Bridges National Monument dove percorriamo lo scenic drive vedendo dai punti panoramici i tre ponti naturali, purtoppo il tempo sta peggiorando e tira un vento veramente forte, che ci impedisce di ammirare la bellezza del luogo.

Goosenecks State Park, Utah, Stati Uniti. Author Nikater. No Copyright

Goosenecks State Park, Utah, Stati Uniti. Author Nikater

Proseguiamo quindi verso nord in direzione di Moab, dopo Monticello deviamo per il Canyonlands National Park (area di “The Needles”), lungo la strada sostiamo alla Newspaper Rock, una suggestiva roccia piena d’iscrizioni degli antichi indiani d’America.

Continuiamo il nostro viaggio e vediamo come il paesaggio cambia continuamente, le rocce assomigliano a tanti enormi funghi. Il paesaggio è sempre più bello specialmente quando intravediamo gli aghi (“the needles” appunto), son qualcosa di stupendo: dei maestosi spunzoni colorati di rosso e bianco.

Adesso ci dirigiamo verso Moab, ma ecco che mentre percorriamo la strada vediamo un arco naturale, ci fermiamo per ammirarlo. Oggi abbiamo percorso un totale di 320 miglia. A Moab alloggeremo per la prossime due notti all’hotel Ramada Inn.

Notte: Ramada, Moab

MOAB: IL PARCO DEGLI ARCHI E IL CANYONLANDS —->

banner
Close
Seguiteci su Facebook
Restate informati su Guida Viaggi