Home / America del Nord / Stati Uniti / Arizona / Diario di Viaggio in Arizona e Utah: dal Grand Canyon alla Foresta Pietrificata e alla Monument Valley
Petrified Forest National Park, Arizona, Stati Uniti. Author Nikater. No Copyright..
Petrified Forest National Park, Arizona, Stati Uniti. Author Nikater

Diario di Viaggio in Arizona e Utah: dal Grand Canyon alla Foresta Pietrificata e alla Monument Valley

<—- DA LAS VEGAS AL GRAND CANYON

3° giorno: Grand Canyon National Park- Holbrook (Petrified Forest National Park) 3 maggio, sereno

Ci alziamo attorno alle 7 e dopo colazione, attorno alle 8,30 partiamo per le nostre prossime mete: Humpreys Peak, Meteor Crater e il parco nazionale della Foresta Pietrificata. Dopo essere passati nelle vicinanze delle Humpreys Peak (3 853 metri d’altezza) incappucciate di neve, attorno alle 10,30 arriviamo al Meteor Crater che visitiamo.

Il paesaggio che abbiamo attraversato è davvero stupefacente: bellissimo il contrasto tra le montagne piene di neve e il deserto rosso. Dopo il Meteor Crater giungiamo ad Holbrook dove prendiamo possesso della nostra camera al Americas Best Value Inn. La distanza percorsa tra il Grand Canyon e Holbrook è di circa 180 miglia.

Partiamo all’esplorazione del Petrified Forest National Park. Qui lo scenario è davvero impressionante, tant’è che in questo parco percorriamo circa 80 miglia (itinerario circolare da Holbrook a Holbrook). Entrando dal lato nord del parco il primo scenario ci viene offerto dal Deserto Dipinto (Painted Desert), qui i colori delle rocce sono un misto tra il rosso, il bianco, il rosa, il viola, il grigio. Le montagne sono proprio quelle che gli indiani nei vecchi film western attraversano per attaccare le diligenze. Sono a forma di tavole. Più avanti nel parco visitiamo i resti della foresta pietrificata, migliaia di pezzi di tronchi d’alberi pietrificati che sono diventati minerali dai bellissimi colori. Questo è stato un giorno davvero pieno d’emozioni!

Notte: Americas Best Value Inn Holbrook

White House ruins, Canyon de Chelly National Monument, Arizona, Stati Uniti. Author Cacophony. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike

White House ruins, Canyon de Chelly National Monument, Arizona, Stati Uniti. Author Cacophony

4° giorno: Holbrook (Petrified Forest National Park)-Kayenta (Monument Valley) 4 maggio, sereno

Oggi nuova sveglia alle 7, partenza alle 8,45, la nostra destinazione è la mitica Monument Valley. Non vedo l’ora di vederla!

Sono le 12,15 ed abbiamo finito proprio adesso di visitare una parte del Canyon de Chelly.

La nostra è stata una scelta repentina: lo abbiamo visto sulla cartina e quindi abbiamo deciso di visitarlo. La temperatura è salita ma si sta bene perché tira un fresco venticello. Finalmente si vede la terra degli indiani. Le rocce hanno preso un aspetto più grandioso: sono molto rosse e profonde. Il contrasto lo fa il verde che riempie il canyon. Abbiamo potuto ammirare delle rocce altissime.

Stamani abbiamo attraversato la riserva degli indiani Navajos, la terra non è così arida come mi aspettavo, non c’è assolutamente agricoltura, ma in compenso ci sono miriadi di piccoli alberelli, il deserto vero e proprio inizia da Many Farms. A Chinle nella riserva Navajo abbiamo visitato il Canyon de Chelly National Monument. Per la visita del canyon non si paga, l’ingresso è gratuito. Questo canyon merita assolutamente una visita (anche più approfondita di quella che abbiamo potuto fare noi) per le sue alte pareti a strapiombo e in particolare ci è piaciuta molto la Spider Rock: un doppio pinnacolo roccioso proprio giù in fondo al canyon che è veramente mozzafiato.

La Spider Rock si vede da uno stupendo belvedere, che si trova al termine della strada sud che costeggia il canyon, e che si raggiunge a piedi dal parcheggio (sono circa 100 m di passeggiata). Proseguiamo il nostro percorso fino a raggiungere l’abitato di Kayenta (alloggiamo all’hotel Hampton Inn, nostra base per la visita della Monument Valley. Da Holbrook fino a Kayenta (via Canyon de Chelly) sono 230 miglia.

Ore 18,24, ci troviamo a sedere al bevedere sulla Monument Valley e il panorama è semplicemente fantastico. Ci troviamo nella riserva Navajo e qui siamo un ora in avanti rispetto al resto dell’Arizona. Abbiamo gia percorso le 17 miglia dello scenic drive: una strada sterrata con 11 punti panoramici. Le rocce che formano la valle sono davvero come uno se le aspetta, ma per capire bisogna vederle. Il percorso da Kayenta alla Monument Valley (compreso lo scenic drive) e ritorno è di 70 miglia, se non volete tornare indietro probabilmente è più conveniente alloggiare nelle cittadine di Mexican Hat (20 miglia), Bluff (40 miglia) o Blanding (70 miglia).

Notte: Hampton Inn of Monument Valley, Kayenta

DALLA MONUMENT VALLEY A MOAB —->

banner