Home / America del Sud / Argentina / Buenos Aires: capitale e centro economico dell’Argentina

Buenos Aires: capitale e centro economico dell’Argentina

Buenos Aires è la città che è capitale dell’Argentina. Questa è una delle più grandi aree metropolitane dell’America Latina ed il motore industriale, culturale economico e commerciale del paese. La città ha quasi 3 milioni di abitanti, ma nella sua area metropolitana vi abitano in totale oltre 15 milioni di persone.

Buenos Aires sorge nel nord-est del paese in un area pianeggiante lungo la sponda meridionale del Rio de la Plata davanti alla città uruguagia di Colonia del Sacramento, che invece si trova lungo la sponda settentrionale del fiume.

LA STORIA DI BUENOS AIRES

Un primo insediamento sul luogo dove oggi si trova la città di Buenos Aires fu fondato nel 1536 dall’esploratore spagnolo Pedro de Mendoza. Il primitivo avamposto fondato da Mendoza era situato in quello che è oggi il quartiere San Telmo, a sud del centro della città. Il nome originario era Ciudad de Nuestra Señora Santa María del Buen Ayre. Dopo la nascita della città l’ostilità degli indigeni rese dura la vita dei primi coloni. Pertanto gia nel 1541, a soli 5 anni dalla sua fondazione, la colonia venne abbandonata.

Fu solo nel 1580 che guidati da Juan de Garay, gli spagnoli, si stabilirono nuovamente nella zona. Fondando l’attuale città di Buenos Aires (Ciudad de la Santísima Trinidad y Puerto de Nuestra Señora de los Buenos Aires). La città crebbe molto lentamente e rimase sempre ai margini dell’impero spagnolo fino al XVIII secolo. Infatti fu solo nel 1776 che divenne la capitale del Vicereame del Rio de la Plata (Virreinato del Río de la Plata), e successivamente con l’indipendenza dell’Argentina, la capitale del nuovo stato.

COSA VEDERE A BUENOS AIRES

Buenos Aires oggi ha la fama di essere considerata la “Parigi del Sud America” sia per il suo aspetto europeo, con grandi viali e palazzi signorili, sia per lo stile di vita che hanno gli abitanti della città. I quartieri centrali della città sono quelli che i turisti visitano più di frequente. Si può partire dalla famosa Plaza de Mayo, il centro amministrativo attorno alla quale era stata edificata la vecchia colonia spagnola.

Nei dintorni di questa piazza si trovano alcuni luoghi da vedere: la Catedral Metropolitana, con la sua facciata neoclassica, e la Casa Rosada, residenza del presedente argentino. Il Cabildo, edificio che fu usato come sede del governo durante i periodi coloniali del Vicereame della Plata. Un altro edificio simbolo della città è quello del Congreso de la Nación Argentina (Congresso Nazionale). Un quartiere caratteristico della città è quello di La Boca, edificato dagli immigranti italiani, e caratterizzato da case colorate, famosa è la calle Caminito. Altri siti turistici  popolari si trovano nei quartieri di Montserrat e San Telmo. Anche l’area ricca di parchi, tra cui il giardino botanico e il giardino giapponese, di Palermo merita una visita.

Di solito in una visita a Buenos Aires non manca mai una visita al cimitero di Recoleta dove è sepolta Eva Peron (Evita). Se siete interessati a conoscere più approfonditamente la storia della vita di Eva Peron, non dovete mancare di visitare il museo a lei dedicato, il Museo Evita.

banner