Home / Asia / Arabia Saudita / Arabia Saudita: deserto e petrolio
Moschea Masjid al-Haram, La Mecca, Arabia Saudita. Author Meshal Obeidallah. No Copyright
Moschea Masjid al-Haram, La Mecca, Arabia Saudita. Author Meshal Obeidallah

Arabia Saudita: deserto e petrolio

L’Arabia Saudita (Al-Mamlaka al-‘Arabiya as-Sa’udiya, Regno d’Arabia Saudita) è un regno del Medio Oriente, che occupa gran parte della penisola Arabica, il paese confina a nord con la Giordania e l’Iraq, a nord-est con il Kuwait, a est con il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti, a sud con l’Oman e lo Yemen, verso ovest è bagnato dal Mar Rosso e a est dal Golfo Persico.

Le città più importanti, oltre alla capitale Riyadh, sono Jiddah (Gidda), La Mecca, Medina, Ad-Dammam. Il territorio dell’Arabia Saudita è per oltre la metà formato da deserto, nel nord del paese si trovano le propaggini meridionali del deserto Siriaco che s’estendono verso sud a formare la regione desertica del Nafud.

Ad occidente, lungo la costa del Mar Rosso si elevano due catene montuose, quelle dell’Hejaz a nord e dell’Asir a sud, esse fanno parte della grande scarpata della Rift Valley, che forma il Mar Rosso, tra queste le montagne dell’Hejaz superano raramente i 2.000 metri (all’estremo nord si trova il Jabal al-Lawz, 2 403 metri), mentre quelle dell’Asir s’innalzano in alcuni punti sopra ai 3. 000 metri, raggiungendo la massima elevazione con il Jabal Sawda (3.133 metri).

Mappa dell'Arabia Saudita

Mappa dell’Arabia Saudita

Oltre le montagne s’estende, verso oriente, il grande altopiano del Nejd (Neged), una regione rocciosa alternata a piccole distese di deserto sabbioso e a isolate formazioni montuose, l’altezza dell’altopiano varia tra i 1.500 e i 750 metri. A est del Nejd (Neged) l’altopiano scende gradualmente verso il golfo Persico, in un area dove si trovano numerose oasi. Lungo la costa del golfo Persico, si trova la depressione di Al Hasa, dove sono situati i principali giacimenti di petrolio del paese. A sud-est, si estende il più vasto deserto del paese, il Rub’ al Khali (600.000 kmq), arido deserto sabbioso, una delle più inospitali aree del pianeta Terra.

L’Arabia Saudita è il maggior esportatore di petrolio del mondo, la sua economia si basa soprattutto sullo sfruttamento dei giacimenti petroliferi, le cui riserve sono le più grandi al mondo, e di gas naturale, nel paese si estraggono anche calcare, gesso, marmo, argento, fosfati, uranio, argilla, sale e oro. I giacimenti di petrolio si trovano principalmente lungo la fascia costiera del Golfo Persico.

Grazie alle rendite del petrolio, l’Arabia Saudita ha potuto sviluppare notevolmente la sua struttura industriale principalmente legata al settore petrolifero, ma anche a quelli dell’edilizia, tessile, plastico, siderurgico e della trasformazione dei prodotti agricoli. Anche l’agricoltura si è notevolmente sviluppata grazie all’irrigazione, vengono coltivati grano, datteri, orzo, sorgo, agrumi e ortaggi. Un certo rilievo è rivestito anche dall’allevamento (pecore, capre e cammelli).

  • Superficie: 2.153.168 kmq. (Arativo 2%, Prati e Pascoli 56%, Foreste e Boschi 1%, Incolto e Improduttivo 41%)
  • Popolazione: 24.735.000 (agg. 2007) Compresi gli immigrati (circa 5.600.000 persone).
  • Capitale: Riyadh.
  • Lingue: La lingua ufficiale è l’Arabo.
  • Religione: Musulmana 100% (Sunnita 80% Sciita 20%). Esclusi gli immigrati (circa 5.600.000 persone).
  • Moneta: Riyal Saudita (SAR)
  • Fuso orario: +2 ore rispetto all’Italia (+1 ore quando in Italia è in vigore l’ora legale). UTC +3 ore.

banner
Close
Sottoscrivete il nostro canale YOUTUBE
Se vi piace viaggiare sottoscrivete il nostro canale YOU TUBE di viaggi: