Home / America Centrale e Caraibi / Bahamas / Sandy Cay, Exumas: l’isola delle iguane
Banchi di sabbia, Sandy Cay, Exumas, Bahamas. Autore e Copyright Marco Ramerini.
Banchi di sabbia, Sandy Cay, Exumas, Bahamas. Autore e Copyright Marco Ramerini.

Sandy Cay, Exumas: l’isola delle iguane

Sandy Cay è una piccola isola corallina delle Exumas che si trova appena a sud del Tropico del Cancro. L’isola è formata da una serie di isolotti corallini collegati tra loro da banchi di sabbia che variano la loro forma con l’alternarsi delle maree. Sandy Cay dista circa 17 km di mare dalla Tropic of Cancer Beach di Little Exuma, mentre la cittadina di George Town a Great Exuma si trova a circa 35 km di distanza. Per via mare il punto più vicino di Long Island si trova a soli 20 km di distanza, mentre la distanza che separa la parte nord di Long Island da Sandy Cay è di circa 30 chilometri che si compiono in circa un ora di motoscafo.

Quest’isolotto corallino è conosciuto come l’isola delle iguane, inoltre qui furono girate alcune scene del film “Pirates of the Caribbean: Dead Man’s Chest” (Pirati dei Caraibi – La maledizione del forziere fantasma). Talvolta le strutture alberghiere di Little Exuma, Great Exuma o Long Island propongono delle escursioni a Sandy Cay, la loro durata è variabile, ma generalmente l’escursione parte attorno alle ore 9 del mattino per far ritorno ai rispettivi punti di partenza alle ore 14.

La tipica vegetazione dell'isola principale, Sandy Cay, Exumas, Bahamas. Autore e Copyright Marco Ramerini

La tipica vegetazione dell’isola principale, Sandy Cay, Exumas, Bahamas. Autore e Copyright Marco Ramerini

L’escursione è davvero bella ed è senz’altro una di quelle da non perdere. Siamo soli, noi quattro e i nostri quattro compagni di escursione, due canadesi (Geoeff e Anne) e due lituani (Aloysius e Mvda), e le due nostre guide. Appena giunti nella baia dell’isola siamo stati accolti, prima da un grande uccello trampoliere, poi una volta sbarcati, da decine di iguane, molto curiose e per niente impaurite.

L’isola, che è formata da alcuni isolotti corallini e da numerosi e spettacolari banchi di sabbia, si presenta con tutto il suo splendore con il sole. Noi abbiamo avuto questa fortuna e abbiamo potuto ammirare la bellezza dei contrasti tra il bianco della sabbia, l’azzurro del mare, e il verde della particolare vegetazione che ricopre le isole coralline, dove vivono le iguane. La maggior parte delle iguane si trovano nell’isola più grande che è ricoperta da una spettacolare vegetazione fatta di piccole palme e arbusti, nel periodo in cui l’abbiamo visitata noi i colori della vegetazione andavano dal verde intenso al giallo ocra di alcune foglie.

Banchi di sabbia, Sandy Cay, Exumas, Bahamas. Autore e Copyright Marco Ramerini.

Banchi di sabbia, Sandy Cay, Exumas, Bahamas. Autore e Copyright Marco Ramerini.

Sandy Cay su Google Maps.

Sandy Cay su Google Maps.

Davanti a quest’isola si trova un isolotto più piccolo con la stessa vegetazione, ma con meno palme. Tra le due isole ci sono spettacolari banchi di sabbia, camminando lungo queste strisce di sabbia individuiamo lungo la costa dell’isola principale un grosso uccello e un enorme nido. Proviamo ad avvicinarci, ma l’uccello – che è una grossa aquila – emette richiami per metterci in guardia di non avvicinarsi ulteriormente, almeno noi li interpretiamo così. Scatto alcune foto che poi riveleranno i motivi dei richiami insistenti.

Siamo immersi nella natura, una natura spettacolare, percorriamo lingue di sabbia bianca che si confondono con il mare – siamo soli – tra isolotti corallini in una natura incontaminata. Andrea scopre una grossa conchiglia arenata in un banco di sabbia. Passeggiamo lungo i banchi di sabbia, poi lungo la spiaggia di un isolotto, infine ci tuffiamo in mare tra sabbia bianca e pozze d’acqua cristallina. Rimaniamo in acqua davanti a questo spettacolare paesaggio per più che possiamo, poi ci incamminiamo verso il punto dove le nostre guide hanno posizionato degli ombrelloni e delle sedie. Il momento di partire giunge troppo presto. Prima di andare via, su iniziativa del nostro compagno canadese, iscriviamo i nostri nomi sulla sabbia.

Banchi di sabbia, Sandy Cay, Exumas, Bahamas. Autore e Copyright Marco Ramerini.,

Banchi di sabbia, Sandy Cay, Exumas, Bahamas. Autore e Copyright Marco Ramerini.,

Lungo il percorso di ritorno ci fermiamo nel mezzo del mare nel punto dove ha fatto naufragio una nave, incagliati nel banco corallino ci sono i resti della nave, poco lontano, ci dicono le guide, un altra nave giace sotto il pelo dell’acqua. Chissà se sotto il mare. tra questi banchi di corallo che affiorano, ci saranno anche i resti di un galeone spagnolo e dei suoi tesori ! Arriviamo a Long Island poco a sud di Cape Santa Maria, nel punto dov’è un isola privata – Hog Cay – con una bella spiaggia. Una volta giunti alla base osservando le foto fatte all’aquila scopro i motivi dei suoi richiami, dentro il nido, ben visibile, spunta la testa di un piccolo aquilotto!

Sandy Cay è davvero un luogo da visitare per chi soggiorna a Little Exuma, Great Exuma o a Long Island. Questa è un escursione assolutamente da non mancare, incrociate le dita e sperate che sia una bella giornata di sole, altrimenti buona parte del fascino del posto viene a mancare, ma quando il sole fa capolino è un autentico tripudio! Un luogo da urlo!

Generici Image Banner 300 x 250
banner
Close
Seguiteci su Facebook
Restate informati su Guida Viaggi