Home / America del Sud / Brasile / Piauí: dipinti rupestri, rocce spettacolari e fiumi
Parque Nacional de Sete Cidades, Piauí, Brasile. Author Otávio Nogueira (deltafrut). Licensed under the Creative Commons Attribution
Parque Nacional de Sete Cidades, Piauí, Brasile. Author Otávio Nogueira (deltafrut)

Piauí: dipinti rupestri, rocce spettacolari e fiumi

Il Piauí è uno stato del Nordeste del Brasile, che ha, tra gli stati brasiliani, la particolarità di avere, tra quelli che si affacciano sull’oceano, il più breve tratto di costa, essa infatti si estende, lungo l’oceano Atlantico per poco più di 60 km ad oriente del delta del fiume Parnaíba.

Il fiume Parnaíba segna il confine occidentale con lo stato del Maranhão, mentre la Serra Grande lo divide dal Ceará, a sud-est il Piauí confina con il Pernambuco, a sud con lo stato di Bahia, e a sud-ovest per un brevissimo tratto con quello di Tocantins.

Il territorio del Piauí è formato per circa il 50% da aree pianeggianti poste al di sotto dei 300 metri d’altezza, queste zone si trovano principalmente nella parte settentrionale dello stato, la parte restante del territorio, quella situata a sud, è formata da altopiani e basse catene montuose.

Mappa del Piauí. Wikipédia, Raphael Lorenzeto de Abreu

Mappa del Piauí. Wikipédia, Raphael Lorenzeto de Abreu

Lungo le frontiere orientali e meridionali si trovano alcune basse catene montuose spesso di forma tabulare, come la Chapada das Mangabeiras, la Serra da Tabatinga, la Serra do Piauí, la Serra dois Irmãos e la Serra Grande. Nella zona centro meridionale del Piauí si trovano le catene montuose della Serra Uruçui, della Serra da Capivara, della Serra da Gameleira e della Serra Bom Jesus da Gurguéia. All’estremità meridionale dello stato, nella Chapada das Mangabeiras, che raggiunge gli 880 metri d’altezza, si trova il punto più alto del Piauí.

Per quanto riguarda l’economia il Piauí è uno dei più poveri stati del Brasile, l’economia è prevalentemente agricola (riso, soia, cotone, canna da zucchero) e l’industria è legata alla trasformazione dei prodotti agricoli, importanti l’allevamento e le risorse minerarie (nichel, ferro, diamanti e opali). Il turismo, in particolare l’eco-turismo ha ottime potenzialità.

  • Superficie: 251.529 km²
  • Popolazione: 3.119.015 (2010) (mulatti 71,80%, bianchi 23,36%, neri 4,60%, Amerindi 0,47%, Asiatici 0,17%)
  • Capitale: Teresina
  • Fuso orario: UTC-3
banner
Close
Seguiteci su Facebook
Restate informati su Guida Viaggi