Home / Africa / Botswana / Gli animali del Kalahari: suricati e manguste
Suricati, Kgalagadi Transfrontier Park, Sudafrica. Author and Copyright Marco Ramerini
Suricati, Kgalagadi Transfrontier Park, Sudafrica. Author Marco Ramerini

Gli animali del Kalahari: suricati e manguste

Il Kgalagadi Transfrontier Park presenta una grande varietà di animali in questa pagina vengono presentati i suricati e le manguste che vivono nel parco.

SURICATO (Suricata suricatta)

I suricati sono piccoli mammiferi diffusi nell’Africa meridionale nelle zone desertiche e semidesertiche del deserto del Kalahari (Namibia, Sudafrica e Botswana), vivono soprattutto nelle pianure coperte di arbusti e nei terreni aperti e sabbiosi. I suricati, sono animali diurni, che pesano circa 1 kg e sono lunghi circa 35 cm (esclusa la coda che varia tra i 15 e i 20 cm di lunghezza), hanno una pelliccia sul dorso di colore grigio bruno con sfumature gialle e strisce marroni.

Sulle zampe il pelo è bianco grigiastro o argentato; in prossimità della bocca, sul mento e sulle guance è biancastro; attorno agli occhi hanno un cerchio nero; dello stesso colore sono le orecchie rotonde e la punta della coda, il suo manto è colorato in modo da mimetizzarsi con il terreno circostante chiaro e polveroso.

I suricati vivono in colonie che possono raggiungere i 40 individui, si scavano le tane nel terreno, che sono vere e proprie città sotterranee con molti ingressi comunicanti tra loro sottoterra, spesso queste gallerie sono condivise con altre specie, come la mangusta o lo scoiattolo di terra.

Il suricato non si allontana mai troppo dalla tana, l’animale caccia con una sorprendente abilità, mentre il gruppo si nutre, uno o più individui restano in piedi di sentinella, con lo scopo di avvertire gli altri di eventuali pericoli in avvicinamento. Sono essenzialmente insettivori, ma mangiano anche lucertole, piccoli roditori, uccelli di piccola taglia, uova, serpenti, scorpioni, ragni, larve, frutta, radici, bacche e tuberi.

I suricati si riproducono mediamente tre volte all’anno, dopo una gravidanza di 11 settimane, ognuna delle tre cucciolate annuali è composta da 2 a 5 piccoli. Raggiunge la maturità sessuale a circa un anno, mentre la sua vita media è di 12 anni. I suoi nemici naturali sono i rapaci, gli sciacalli e i gatti selvatici africani.

MANGUSTA GIALLA (Cynictis penicillata)

Mangusta Gialla, Kgalagadi Transfrontier Park, Sudafrica. Author and Copyright Marco Ramerini

Mangusta Gialla, Kgalagadi Transfrontier Park, Sudafrica. Author Marco Ramerini

La mangusta gialla è un piccolo mammifero che vive nelle aree del deserto del Kalahari e del Namib e nelle zone aride del Sud Africa (Namibia, Sudafrica, Angola, Zimbabwe e Botswana), specialmente nei grandi spazi aperti semidesertici dove l’erba è corta, nelle boscaglie semidesertiche e nelle praterie.

Le manguste, sono animali diurni che conducono vita solitaria o raccolta in gruppi familiari di circa 20 individui, vivono in tane scavate sottoterra e spesso coabitano con scoiattoli di terra o suricati. L’animale è di piccole dimensioni ha un peso di circa 500-700 grammi ed è lungo 50 cm, presenta un lungo mantello di colore giallo o rossiccio e una lunga coda, con una caratteristica punta bianca.

La mangusta gialla è carnivora si ciba in prevalenza di insetti, larve, piccoli roditori, rane e piccoli mammiferi, ma si nutre anche di lucertole, serpenti e di ogni sorta di uova. Si riproduce tra luglio e settembre, e tra ottobre e dicembre dà alla luce da 2 a 5 piccoli, la durata della loro vita è di circa 10-13 anni. I suoi nemici principali sono i grandi rapaci, gli sciacalli, le iene e i leopardi.

Generici Image Banner 300 x 250
banner
Close
Seguiteci su Facebook
Restate informati su Guida Viaggi